menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine dell'incontro di martedì mattina

Un'immagine dell'incontro di martedì mattina

Treviso: 3 milioni di euro per rifare l'illuminazione pubblica

“Partendo dalla necessità della messa a norma – spiega l’assessore Michielan – vogliamo arrivare ad un ripensamento radicale della rete comunale"

Maggiore sicurezza per i cittadini e risparmio energetico. Sono le linee guida del nuovo piano per l’illuminazione pubblica del comune di Treviso. Martedì mattina i professori Franco Guglierminetti e Fabio Bisegna della facoltà di ingegneria della università La Sapienza di Roma, e Luigi Schibuola dell’Istituto di architettura di Venezia hanno incontrato a Palazzo Rinaldi l’assessore ai lavori pubblici Ofelio Michielan. Tutti gli esperti, oltre alla competenza in fisica tecnica, sono specializzati nel campo delle energie rinnovabili e degli impianti innovativi.

“Partendo dalla necessità della messa a norma – spiega l’assessore – vogliamo arrivare ad un ripensamento radicale della rete comunale nell’ottica della smart city, cioè la città intelligente. Oggi abbiamo molti punti luce vecchi, alcuni con più di 40 anni, altri situati malamente rispetto all’evoluzione demografica della città. L’obiettivo del nuovo piano è realizzare una buona illuminazione lungo le strade, specie della periferia, garantendo ottima visibilità ad automobilisti e pedoni, e anche valorizzare scenograficamente le zone più suggestive del centro storico”. Attualmente Treviso ha 14.500 punti luce, che coprono 390 chilometri sui complessivi 466 della rete viaria comunale.

Il costo base per la realizzane del piano è di circa 3 milioni di euro, che all’80 per cento saranno coperti da finanziamenti regionali ed europei. Gli uffici comunali sono già in movimento per ottenere i contributi da Venezia e da Bruxelles. Ma il nuovo impianto sarà  una rete “intelligente” che sfrutterà le tecnologie più avanzate per risparmiare energia: attraverso dispositivi elettronici sarà possibile controllare l’erogazione dell’illuminazione e sospenderla o potenziarla a seconda delle necessità. “La  trasformazione di Treviso in ‘città intelligente’ è la bandiera di questa amministrazione  - spiega l’assessore Michielan –  Vogliamo consegnare ai nostri concittadini e ai nostri figli un ambiente urbano in cui si viva meglio, attraverso una  gestione delle risorse economiche ed energetiche molto accorta”.

L’impianto d’illuminazione potrà avere incorporato un sistema di telecamere che permetterà di sorvegliare strade e piazze. “I trevigiani, innanzi tutto bambini, donne e anziani – sottolinea l’assessore - devono potersi muovere con tranquillità  in tutto il territorio comunale”.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento