menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'oste Ritrovato Max Zaccaro

L'oste Ritrovato Max Zaccaro

Dalla Valtellina a Treviso: l'Oste Ritrovato apre in centro storico

A Santa Maria Maggiore una giovane coppia di Sondrio inaugura un locale con una proposta enogastronomica inedita, per tutte le tasche

TREVISO Dalla Valtellina, Max ed Erika si sono trasferito a Treviso e nella città che li ha “adottati” hanno deciso aprire un nuovo locale, un’osteria chicchetteria con piccola cucina con una proposta gastronomica inedita e a portata di tutte le tasche. L’obiettivo? Rilanciare una zona del centro storico che ultimamente ha assistito alla chiusura di diverse attività commerciali.

CICCHETTI, VINO, BIRRA E VEGAN La cucina de “L’oste Ritrovato”, che inaugurerà martedì 15 settembre alle 18 in via Carlo Alberto, a fianco della chiesa di Santa Maria Maggiore, è un mix di sapori tipicamente italiani, con una particolare attenzione al retaggio culinario di Sondrio e della Valtellina, ricco di tradizioni antiche e di sapori decisi ma armoniosi, a partire dalla colazione fin dal mattino presto, che al posto dei classici croissants propone biscotti e torte artigianali. All'ora di pranzo verranno suggeriti quotidianamente alcuni piatti della tradizione italiana e valtellinese, e ci sarà la possibilità di comporre il proprio scegliendo tra una vasta gamma di cicchetti che varieranno di giorno in giorno; anche l'aperitivo sarà accompagnato da cicchetti frutto dell'inesauribile fantasia di Erika. Un’attenzione particolare meritano i taglieri degustazione di salumi, tutti rigorosamente senza glutine e lattosio, e la selezione di formaggi artigianali. Disponibili anche alcune pietanze in versione vegan. A quel punto (se l’atmosfera è quella giusta) l'aperitivo potrebbe trasformarsi in cena degustando piatti regionali, il tutto in un contesto informale e piacevole tipico delle osterie. Una varietà di vini selezionati e birre artigianali accompagnerà la permanenza. 

“DARE UNA SCOSSA A SANTA MARIA MAGGIORE” “Il nostro auspicio – spiegano Max ed Erika – è quello di offrire a Treviso un luogo di ritrovo accogliente, dove passare piacevoli momenti degustando un buon vino o una buona birra, e una cucina semplice che utilizza materie prime di alto livello qualitativo. La nostra ambizione è quella di essere trasversali, cioè essere in grado di accontentare tanti gusti e molti “taccuini”. Ma la nostra – aggiungono – è anche una sfida alla crisi del commercio in centro città. Nel nostro piccolo vorremmo poter “dare una scossa” a Santa Maria Maggiore, una zona bellissima di Treviso, nella quale tra l'altro abitiamo, che in questi ultimi anni ha subito un duro colpo a causa della chiusura di diversi esercizi commerciali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Attualità

«Perchè non è stata vaccinata anche mia moglie?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento