menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di archivio

Immagine di archivio

A Treviso sarà inaugurato un nuovo parco grazie a Procedo

Il 27 febbraio 2014 presso il Parco Uccio San Martino prende il via il progetto per un nuovo impianto arboreo promosso dalla piattaforma web per lo scambio elettronico di documenti

A Treviso arriva un nuovo polmone verde grazie a Procedo, piattaforma web che consente alle aziende lo scambio elettronico di documenti commerciali e amministrativi.

Giovedì presso il Parco Uccio di San Martino, verrà inaugurato un nuovo impianto arboreo di trenta alberi, composto da ciliegi da fiore, farnie, aceri, ornielli e ontani, frutto di un progetto lanciato da Procedo con il patrocinio del Comune di Treviso.

Il Bosco Procedo, così si chiamerà la nuova area verde, rappresenta un primo importante passo per premiare il risparmio di carta di tutte quelle aziende che con Procedo hanno scelto la digitalizzazione dei documenti commerciali in formato elettronico.

"Sono tempi in cui cresce la sensibilità sui temi ambientali e sulla sostenibilità - spiega Massimo Bolchini, Standard Development Director di GS1 Italy | Indicod-Ecr - Lo scambio di documenti in formato elettronico, reso possibile dall'EDI, consente di ridurre considerevolmente lo spreco di carta e la necessità di abbattere alberi. Procedo ha pensato di fare qualcosa di più dando vita all'iniziativa del Bosco Procedo per contribuire anche alla piantagione e allo sviluppo di nuovi alberi. Per questo ci piace dire che con l'EDI salvi un albero e con Procedo ne salvi due".

IL PROGETTO - La progettazione del Bosco Procedo è stata affidata allo studio di riqualificazione urbana sTreet, che ha scelto delle specie arboree adatte all'’ambiente urbano e alle caratteristiche di Treviso. Farnie e ontani che prediligono suoli umidi e resistono al ristagno idrico, aceri, ornielli e ciliegi da fiore che garantiscono ombra durante l'’estate: tutte specie che tollerano molto bene le difficili condizioni cittadine e chiamate proprio per questo "“rustiche”".

Il nuovo bosco aiuterà i cittadini trevigiani a percepire il cambiamento delle stagioni attraverso la natura, in quanto l'’insieme delle diverse specie arboree garantisce una buona differenziazione in ogni stagione: colore, trama delle foglie, forma delle chiome, grana della corteccia, frutti e fiori. Ma gli alberi rappresentano un beneficio anche per la socialità, contribuendo a rendere più bella e accogliente Treviso e migliorando in modo concreto l'’ambiente.

Le piante• attenuano infatti l'’effetto battente della pioggia, riducendo così i flussi di acqua, favoriscono, in particolare d'’estate, l'’abbassamento delle temperature grazie all’'ombreggiamento; aiutano il fissaggio delle polveri sottili e abbattono il valore di CO2 nell'’aria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Attualità

Malore fatale in piazza: addio al medico-pilota Csaba Gombos

Salute

A Monastier il nuovo hub vaccinale anti-Covid per le aziende venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento