rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Cronaca

Nuovo Prefetto Laura Lega: tante le lettere di benvenuto ricevute

Manildo:" Sappia essere centro di coordinamento e connnetta le istituzioni". L'On. Casellato: "Auspichiamo l'arrivo di Morcone"

TREVISO Lunedì ha già fatto visita al Presidente della Provincia di Treviso Leonardo Muraro, ma negli ultimi giorni sono molteplici le lettere di benvenuto che sta ricevendo da tutta la Marca e non solo. Stiamo parlando di Laura Lega, nuovo Prefetto del capoluogo dopo l'allontanamento di Augusta Marrosu, seguito della malagestione del tema profughi nel trevigiano.

Tra le prime a scriverle l'On. trevigiana del PD Floriana Casellato rinnovando la sua "disponibilità ad una collaborazione diretta, sia sul tema centrale di queste settimane, ovvero la difficile gestione dell'accoglienza e permanenza dei profughi nel territorio provinciale, sia su altri elementi di emergenza che lei riterrà opportuno affrontare con urgenza". L'On. Casellato ha inoltrato poi al Prefetto la sintesi, elaborata insieme ai colleghi parlamentari veneti del PD, sugli arrivi dei profughi in Veneto e sulle preoccupazioni ma anche sulle proposte rivolte al Ministro Alfano attraverso un'interrogazione urgente. La parlamentare trevigiana ha infine informato il Prefetto dei contatti avuti in queste settimane con Mario Morcone, capo del Dipartimento Immigrazione al Viminale, auspicando che arrivi presto a Treviso per incontrare i sindaci insieme alla dott.ssa Lega stessa. Floriana Casellato conclude la lettera rivolta al Prefetto ricordando che "nel ruolo che ricopro, mi metto a disposizione per una fattiva collaborazione, necessaria per accorciare le distanze tra Roma e il nostro territorio, e non lasciare inascoltato il disagio dimostrato dai cittadini, che necessita di chiavi di lettura e risposte adeguate".

Laura Lega ha poi ricevuto la lettera di benvenuto anche di Franco Lorenzon, Segretario Generale della Cisl Belluno Treviso. Nell'augurare al Prefetto un buon lavoro, assicurando la fattiva collaborazione del Sindacato che rappresenta, il Segretario in un passaggio della lettera sottolinea alla dott.ssa Lega che "la "questione profughi" è solo un sintomo del disagio che si vive nella nostra Provincia e non la causa, è la goccia che ha fatto traboccare il vaso del difficile rapporto tra realtà locale e Stato centrale. I tagli lineari, le tasse indiscriminate e la burocrazia onnipresente - nella ‘vulgata comune’ - hanno pericolosamente compromesso tale rapporto, per cui anche un problema di non grande rilevanza (collocare un migliaio di profughi in un territorio di 900.000 abitanti non è un’impresa impossibile), ha finito per essere vissuto come l’ennesimo sopruso di chi - a Roma - continua a scaricare sul territorio ulteriori oneri." Lorenzon prosegue specificando che "questo non giustifica alcunché né toglie responsabilità alle istituzioni locali, ma non significa neppure che il popolo trevigiano si sia improvvisamente trasformato da accogliente e solidale (tutte le indagini lo confermano) a inospitale ed egoista! Se lei avrà l’avvertenza di partire da questa consapevolezza, le sarà più agevole trovare quelle risposte che ultimamente sono mancate".

Nei giorni scorsi invece a parlare del Prefetto era stato il sindaco di Treviso Giovanni Manildo: "Ho sentito al telefono Laura Lega, nuovo Prefetto di Treviso, a cui ho augurato buon lavoro. Ho anche espresso il mio desiderio affinché la nuova rappresentante del Ministero sul territorio sia efficiente centro di coordinamento, capace di creare una rete tra le istituzioni. Questa mattina ho anche avuto uno scanbio telefonico con il Capo del Dipartimento immigrazione al Viminale Mario Morcone: ci incontremo a Treviso nei prossimi giorni, non appena il nuovo Prefetto entrerà nell'esercizio delle sue funzioni". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo Prefetto Laura Lega: tante le lettere di benvenuto ricevute

TrevisoToday è in caricamento