menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Ocjo, la Sicurezza va in scena" con Confartigianato Castelfranco

Al Teatro Accademico uno spettacolo per sensibilizzare in tema di Sicurezza al Lavoro. il Presidente: “Creiamo riconoscimenti per aziende che ottengono risultati sulla sicurezza”

CASTELFRANCO VENETO Si è svolto ieri al Teatro Accademico di Castelfranco, il seminario “OCJO. La Sicurezza è di scena. Prevenire per non rischiare” dedicato all'ambito lavorativo in collaborazione con Regione Veneto, Sviluppo Formazione, Confartigianato Castelfranco, IXI Studio e Trigeminus. Ad inaugurare la serata, il Presidente Confartigianato Castelfranco Oscar Bernardi: “Sono trascorsi ormai due anni da quando abbiamo iniziato a parlare di 'OCJO' ed abbiamo iniziato a seguire il percorso di questa particolare iniziativa, accolta e divulgata presso scuole, enti ed aziende. Per noi è stato molto importante avere avuto l'opportunità di inserire questo seminario nel programma di formazione adottato dall'Associazione per il personale dipendente e finanziato da Regione Veneto e Fondo Sociale Europeo – ha esordito Bernardi -. La parola 'sicurezza' ha molti significati: certezza, consapevolezza, fiducia, ma anche 'rispetto'. Rispetto delle regole, ma soprattutto della salute, della nostra vita e di quella di altre persone, del clima aziendale, del rapporto tra colleghi, titolari e collaboratori.

Questo deve valere anche al di fuori dell'ambiente di lavoro. Tuttavia, - ha incalzato il Presidente - permettetemi di affermare che noi non crediamo che sbagliando si impara, se dopo l'errore non si provvede ad una accurata ed approfondita analisi delle cause e delle condizioni che hanno determinato l'evento. Solo dedicandosi all'analisi dei fatti possono nascere azioni di miglioramento e apprendimento. Sollecito a una più intensa partecipazione al tavolo di coordinamento che vede impegnate le Associazioni di Categoria e gli Enti preposti alla salute e sicurezza negli ambienti di lavoro, al fine anche di elaborare approfondite analisi delle cause e delle condizioni che hannno generato infortuni e/o sanzioni. Sollecito anche l'utilizzo di queste conoscenze affinchè vengano adeguatamente impiegate per l'aggiornamento e -ha continuato- l'integrazione dei programmi della formazione. Ragionare sugli errori è un primo passo per la prevenzione degli infortuni. Ebbene, creiamo riconoscimenti per aziende che ottengono risultati sulla sicurezza e dalla sicurezza. Facciamo sì che la sicurezza non sia solo una prassi sanzionatoria estrumento di prelievo forzoso , ma sia piuttosto uno strumento efficace ed efficiente che si autocorregge e si autoalimenta. Uno strumento in grado di attirare i discenti e dare loro soddisfazione.”

Nel corso dell'evento si sono avvicendati vari momenti tra testimonianze e proposte. E' stata data la parola al Prof. Giovanni Finotto, docente dell'Università Ca'Foscari di Venezia, il cui corso di Studi è 'Sicurezza e salute nelle attività didattiche e di ricerca': “Mi occupo da 25 anni di questa materia. Servono più controlli? Più sanzioni? Più multe? Non penso che questo risolverebbe la situazione: -ha proseguito – ancor prima della sicurezza nel lavoro c'è la sicurezza, da sola. E' importante 'fare sicurezza'. Il problema è che quando arriva il momento di farla, questa sarà indigesta a tutti. Serve pertanto creare una cultura e farla crescere attraverso di noi. Non posso aspettare che sia qualcun altro a praticarla. E' importante fare anche un'autovalutazione del rischio, che non viene insegnata a scuola ma deve partire dalla coscienza. E questa non c'è se non vi è una cultura di base.” 

Ha proseguito Flavio Frigè, socio Anmil, -Associazione Nazionale fra lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro- che ha raccontato la sua toccante e tragica testimonianza attinta dalla sua vita 'Da giovane carpentiere a grande invalido del lavoro'. “ Il mio sogno per l'Anmil è quello che non ci siano più soci Anmil. Associazioni come queste non ci sarebbero se non ci fossero infortuni sul posto di lavoro. Purtroppo il Veneto è detentore di un primato in materia di infortuni sul lavoro. Grazie all'Anmil ho iniziato a divulgare la mia testimonianza e ho capito quanto è importante farlo. Il problema della sicurezza è l' 'abbiamo sempre fatto così' e poi si dà colpa al destino, che c'entra fino a un certo punto. Credo invece che si debbano conoscere i pericoli cui si va incontro. Basta un attimo, un momento. Quell'attimo mi è costato l'avambraccio sinistro ed entrambe le gambe. ” 

A seguire, l'incalzante monologo di Bruzio Bisignano, ex siderurgico ora formatore aziendale in materia di prevenzione, il quale ha trasformato concetti in emozioni scuotendo le coscienze del pubblico ricordando i volti, le storie e i sogni spezzati di chi sul lavoro ci ha lasciato la vita con: 'Metalmezzadri: quarant'anni di nordest tra lavoro, salute e passione'.  A concludere Mara e Bruno Bergamasco nei panni di 'Trigeminus' duo ben noto nei teatri friulani con uno sketch cabarettistico dal titolo “626” [ridiamoci sopra ma pensiamoci su]. La messa in scena ha alimentato la riflessione sulla centralità della prevenzione e di una puntuale applicazione delle norme quale fondamentale presidio per contrastare il fenomeno degli infortuni sul lavoro. L'evento si è concluso con il conferimento di un attestato da parte di OCJO al Presidente della Confartigianato Castelfranco Oscar Bernardi.

unnamed-74-11

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento