rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca Oderzo

Vincita in denaro non consegnata: con un martello vuole assaltare la sala slot

L'episodio è avvenuto la scorsa notte nel centro di Oderzo e ha portato i carabinieri della Tenenza a bloccare in tempo un kossovaro di 45 anni

Dovrà rispondere di porto abusivo di armi o oggetti atti a offendere un 45enne di origini kosovare che in piena notte, erano le 2.30 circa di ieri, 3 maggio, è stato controllato, in stato di evidente alterazione psico-fisica, da una pattuglia di militari della Tenenza di Oderzo, non distante dall'ospedale del centro opitergino. Lo straniero, seduto su una panchina, aveva con sé un grosso martello che voleva utilizzare per danneggiare la sede di un centro scommesse della zona a seguito di una presunta vincita di denaro non corrisposta. L'utensile è stato posto sotto sequestro e l'uomo ha ammesso ai militari quali fossero le sue intenzioni.

Viola le prescrizioni del giudice, finisce in carcere

Era stato arrestato in flagranza di reato lo scorso 6 gennaio perché trovato in possesso di alcuni grammi di hashish e cocaina. Nelle scorse ore i carabinieri di Montebelluna lo hanno rintracciato e arrestato nuovamente su provvedimento dell'Autorità Giudiziaria emesso in aggravamento della misura cui era già sottoposto (obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria). L'uomo, un 57enne di origini marocchine, aveva infatti più volte violato le prescrizioni cui era assoggettato proprio a seguito dell'arresto operato dai militari dell'Arma a gennaio, che tali inosservanze avevano poi puntualmente documentato. Lo straniero è stato associato alla casa circondariale di Treviso. Stessa sorte per un 34enne di origini moldave rintracciato dai Carabinieri a Casale sul Sile e tratto in arresto su provvedimento della Procura della Repubblica di Venezia. Lo straniero dovrà scontare la pena di un anno di reclusione perché responsabile dei reati di resistenza a Pubblico Ufficiale, furto, danneggiamento e ricettazione commessi nel veneziano nel dicembre 2014.

Ladri in azione in un supermercato e in una farmacia

Due furti e un tentativo di furto denunciati all'Arma, avvenuti nelle scorse ore in danno di esercizi commerciali alle porte del Capoluogo e nel montebellunese. Nella nottata del 3 maggio a Quinto di Treviso ignoti hanno forzato (senza riuscire ad asportare nulla) la porta laterale di un supermercato di via Brondi, mentre ad un esercizio di ristorazione di via Postumia, previa effrazione del vetro di una porta finestra, è stato asportato da ignoti il registratore di cassa contenente denaro contante. A Montebelluna i carabinieri sono intervenuti presso una farmacia del centro dove ignoti, probabilmente a cavallo della festività del 1° maggio, dopo aver forzato la serranda esterna hanno asportato il registratore di cassa con il contante. Indagini in corso dei carabinieri anche finalizzate a verificare se i "colpi" possano essere stati opera di medesimi autori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vincita in denaro non consegnata: con un martello vuole assaltare la sala slot

TrevisoToday è in caricamento