menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
In foto Luigi Serradura (foto Dailyguideghana)

In foto Luigi Serradura (foto Dailyguideghana)

Nuovo elemento a favore di Serradura sull'omicidio di Egle Bellunato

Il compagno della 74enne sgozzata in Ghana avrebbe dato l'allarme il giorno stesso, non dopo 24 ore come si era appreso precedentemente

Emerge un elemento sull'omicidio in Ghana dell'italiana Egle Bellunato, 74 anni, che potrebbe far cadere uno dei principali indizi a carico del suo compagno, Luigi Serradura, in carcere perchè accusato dell'uccisione: la denuncia della scoperta del cadavere alla polizia locale è stata fatta da Serradura il giorno stesso del fatto, il 29 ottobre, e non 24 ore dopo, il 30, come si era appreso finora.

Lo rende noto il figlio della vittima, Giovanni Manzardo, il quale afferma di aver avuto questa comunicazione direttamente dall'ambasciata italiana in Ghana. Il presunto ritardo nella denuncia potrebbe essere stato dovuto ad una informazione imprecisa raccolta dalla stampa locale.

L'ambasciata italiana ad Accra, riferisce Manzardo, secondogenito della signora Egle, si sta attivando in tutti i modi per essere di supporto a Serradura, e per cercare di ottenere dalle autorità ghanesi tutte le informazioni per poter disegnare un quadro completo della vicenda e capire se effettivamente vi siano o meno elementi probanti nei confronti del nostro connazionale. Il corpo di Egle Bellunato si trova ora nella la capitale del Ghana, Accera. Funzionari dell'ambasciata sarebbero stati contatti - informa Manzardo - per il riconoscimento della salma, a cui poi seguirà l'autopsia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento