rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Montebelluna

Omicidio - suicidio Montebelluna, Denise aveva paura

La storia tra Matteo Rossi e Denise Morello era finita a gennaio, dopo oltre un anno. Ma lui non riusciva a rassegnarsi, tanto che la giovane si era rivolta alle forze dell'ordine per chiedere consigli

Denise aveva paura, tanto che aveva chiesto consiglio alle forze dell'ordine. Assume i contorni di una tragedia annunciata l'omicidio - suicidio di martedì sera a Montebelluna.

Tra Denise Morello e Matteo Rossi era finita a gennaio, dopo oltre un anno di amore ma anche dopo un periodo travagliato.

Matteo però non si rassegnava a lasciar andare la sua Denise. Era pazzo di lei e voleva riconquistarla, tanto che il 25 gennaio aveva acquistato una pagina del Gazzettino di Treviso per far sapere all'impiegata 23enne quanto l'amava.

Ma lei non voleva saperne e, da quanto si è appreso, il rappresentante di materassi aveva cominciato a minacciarla. Denise si era quindi confidata con le forze dell'ordine. Aveva paura.

Martedì sera l'agguato, all'uscita dal lavoro. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Matteo ha atteso che Denise, che lavorava in uno studio commercialista al terzo piano dello stabile, scendesse nel parcheggio interrato dell'Interspar e salisse in auto, intorno alle 19.

Le si è parato davanti, prima che chiudesse lo sportello, puntandole contro la pistola, una Beretta acquistata a marzo. Un colpo alla testa, prima di allontanarsi e porre fine al proprio tormento puntandosi l'arma alla tempia.

La tragedia si è consumata senza testimoni, ma una collega di Denise, uscita qualche minuto dopo di lei, avrebbe sentito la 23enne urlare: "Ti prego, non farlo!". Poi gli spari.

Inutili i soccorsi, chiamati dalla collega di Denise, e i tentativi di rianimare l'impiegata: è morta poco dopo Matteo, lasciando dolore e rabbia in chi la conosceva e la amava e crede che, forse, si sarebbe potuto evitare tutto questo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio - suicidio Montebelluna, Denise aveva paura

TrevisoToday è in caricamento