menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stupefacenti e commercio abusivo: giro di vite della polizia in centro

Alcuni ragazzini sono stati fermati mentre fumavano uno spinello, mentre due uomini sono stati sorpresi a vendere merce abusivamente

TREVISO - Contrasto allo spaccio e al consumo di sostanze stupefacenti e più sicurezza per negozianti e cittadini del centro di Treviso, soprattutto sotto le feste di Natale: questo l'obiettivo che da settimane viene portato avanti dalla polizia locale. Ed è proprio grazie a questo che nell’ambito del servizio di prossimità gli agenti di polizia locale di Treviso verso le ore 17 di sabato hanno notato un gruppo di ragazzi uscire dal supemercato PAM in piazza Borsa e fermato un maggiorenne, residente in un comune limitrofo, mentre estraeva da sotto il giaccone dei pacchi di biscotti. Il giovane, una volta uscito dal supermercato, si vantava con gli amici sostenendo di aver “fregato”commessi e cassiere. Fermato è stato accompagnato in comando, dove, una volta sottoposto a ispezione, gli sono stati rinvenuti sotto gli indumenti altri prodotti alimentari. Sottoposto poi ai rilievi di rito, è stato indagato per furto.

Alcuni giorni prima invece, in Riviera Santa Margherita, uno straniero del Burkina Faso è stato fermato per un controllo da parte di una pattuglia in divisa. Gli agenti lo avevano notato alla guida di un motociclo mentre circolava con andatura incerta, zigzagando. Dall'esito del test è risultato un tasso alcolemico di oltre 2,00 g/l. Lo straniero, residente in un comune del circondario, è stato così indagato per guida in stato di ebbrezza e il suo mezzo sequestrato. Sempre nel pomeriggio di sabato gli operatori della Polizia Locale, in abiti civili, hanno notato in via Giustiniani cinque giovani seduti a terra , nascosti fra le auto in sosta. Uno dei giovani al loro avvicinarsi ha cercato di nascondere sotto una scarpa uno spinello. Di fronte all'evidenza il ragazzo, maggiorenne, ha consegnato agli agenti una bustina contenente circa un grammo di altro stupefacente. I cinque ragazzi sono stati identificati e segnalati alla Prefettura.

Infine, in Riviera Santa Margherita e Corso del Popolo due uomini, un nigeriano e un italiano, sono stati trovati a vendere accendini e biglietti di auguri natalizi, senza la prescritta autorizzazione amministrativa. I prodotti, circa una quarantina fra fazzoletti, braccialetti, calzini, biglietti, sono stati sottoposti a sequestro amministrativo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Attualità

«Perchè non è stata vaccinata anche mia moglie?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento