rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Cronaca Castelfranco Veneto

Sit-in per difendere l'ospedale di Castelfranco: sulla vicenda interviene l'Ulss 2

Dopo la manifestazione organizzata nel pomeriggio di sabato 14 ottobre dentro le mura di Castelfranco Veneto, l'azienda trevigiana ha voluto chiarire la sua posizione sulla vicenda

CASTELFRANCO VENETO Dopo la protesta pacifica organizzata nel pomeriggio di sabato 14 ottobre dentro le mura cittadine dal personale medico dell'ospedale San Giacomo, l'azienda trevigiana Ulss 2 ha voluto esprimere la propria posizione su un'iniziativa che ha visto coinvolte circa duecento persone desiderose di difendere il destino e il futuro del centro ospedaliero castellano.

Allo stesso modo l’azienda trevigiana intende sottolineare come la Regione Veneto abbia rispettato i tempi e le dichiarazioni d’intenti riguardanti l’approdo dello Iov a Castelfranco Veneto. Ciò garantendo al presidio ospedaliero castellano un ruolo di eccellenza nel panorama regionale e non solo. Regione Veneto, Ulss e Iov stanno investendo decine di milioni di euro per dare il miglior destino all’ospedale di Castelfranco Veneto, rendendolo all’avanguardia per strutture e tecnologia.  Un esempio di questo percorso virtuoso si evince, considerando la radioterapia la cui realizzazione è inserita in una delibera regionale con un cronoprogramma attivato e il cui rispetto è cosa nota. La Regione Veneto ha, inoltre, accettato le proposte dell’amministrazione comunale, quindi del territorio e dei suoi residenti, aumentando i posti letto di medicina oltre le previsioni delle schede ospedaliere, mantenendo pediatria e patologia neonatale e la cura dei pazienti acuti in cardiologia e neurologia.

"C’è da sottolineare" affermano i vertici dell'Ulss 2 "che in prospettiva, inoltre, l’ospedale di comunità è meno oneroso della lungodegenza con in più il vantaggio che andrà a servire il territorio rispondendo ai bisogni di una popolazione fisiologicamente destinata ad invecchiare" .L’azienda Ulss 2 Marca trevigiana, inoltre, ha voluto ribadire che le opinioni costruttive sono sempre state riconosciute preziose e che non si è mai registrata alcuna fuga di professionalità, bensì un ricambio generazionale destinato a mantenere alto lo standard qualitativo delle direzioni delle unità operative.  L’azienda infine ha voluto ringraziare tutte quelle manifestazioni positive nei confronti dell’impegno che si sta profondendo al fine di garantire un futuro di eccellenza all’ospedale San Giacomo di Castelfranco Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sit-in per difendere l'ospedale di Castelfranco: sulla vicenda interviene l'Ulss 2

TrevisoToday è in caricamento