menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bitcoin e droga, barista gestiva giro milionario: indagati anche due trevigiani

Cento chili di droga purissima, 200mila euro in contanti, un sistema sofisticato per gestire i traffici: è il bilancio dell'operazione della polizia che ha portato all'arresto di nove persone

PADOVA Nove persone sono finite in arresto grazie alla maxi operazione "Bitcoin" condotta dalla questura di Padova. Un traffico illecito 2.0, con l'utilizzo di tecnologie sofisticatissime e gestito dal titolare di un locale del centro storico con un traffico di droga proveniente dall'estero e sostanze tra le più potenti mai sequestrate nel capoluogo euganeo. Le indagini sono partite un anno e mezzo fa grazie al lavoro della sezione antidroga della squadra mobile, che ha isolato un giro di spaccio di alto livello con forniture provenineti dall'estero e da altre province italiane. Un giro di soldi esorbitante, organizzato con vendite via deep web, l'immenso mondo del "web sommerso" che non compare sui classici motori di ricerca. Le transazioni avvenivano in bitcoin, un criptovaluta che si usa online. Un'indagine minuziosa, con agenti sotto copertura, intercettazioni e pedinamenti durati mesi, che hanno coinvolto anche reparti specializzati nei crimini informatici.

Fulcro dell'organizzazione era il titolare del bar Alexander di via San Francesco, un 35enne veronese ma da anni residente a Padova che ospitava in casa sua e della moglie complice un fitta schiera di sottoposti, molti dei quali pregiudicati. Per mesi lo hanno tenuto sotto stretta sorveglianza sul posto di lavoro e nella sua abitazione prima in via Lepanto e poi in via Mentana, dove è documentato un fitto viavai di clienti e fornitori. Quattrocento quelli controllati dalla polizia a campione, per verificare che i voluminosi pacchi recapitati in casa con cadenza pressoché quotidiana contenessero davvero merce illegale. A più riprese gli agenti hanno sequestrato partite di droga, fino alla svolta del 9 ottobre. Alle prime luci dell'alba sono state eseguite tutte le misure di custodia richieste dal giudice in vari province: sono finite in arresto nove persone, cinque arrestate in flagranza di reato. In collaborazione con i colleghi di Milano, Treviso, Vicenza e Torino sono state eseguite anche sedici perquisizioni che hanno fatto recuperare altri 20 chili di droga e 5mila euro in contanti.

In totale sono stati sequestrati più di 100 chili di stupefacente. 25 di hashish, 75 di marijuana e 200 grammi di cocaina, oltre a funghi allucinogeni, pasta di oppio, biscotti alla canapa, agli strumenti di confezionamento e a 205mila euro in contanti. Si tratta di sostanze con un principio attivo oltre tre volte superiore alla media, da cui si stima si potessero ricavare circa 300mila dosi. Molti degli indagati erano insospettabili: tra loro padre e figlio milanesi, con impieghi di rilievo ma anche veri e propri fornitori della cupola criminale padovana che inviavano plichi da quasi 30 chili per volta. Nella lista degli indagati ci sono anche due giovani trevigiani, le cui abitazioni sono state perquisite: tra questi un 21enne di Santa Bona che secondo gli investigatori si occupava del trasporto delle sostanze.

L'organizzazione patavina acquistava la merce nel deep web, come veri hacker informatici, facendosela recapitare via posta o tramite corrieri per poi rivenderla. I pagamenti avvenivano in bitcoin e gli agenti sotto copertura si sono infiltrati nelle compravendite riuscendo ad acquistare delle partite di droga e avendo la conferma del tipo di traffici messo in piedi dal barista. L'uomo è anche accusato di autoriciclaggio, perché ha reinvestito i proventi dello spaccio in ulteriori bitcoin, il cui valore complessivo è ancora in fase di stima. Solo per questo reato rischia fino a 10 anni di carcere.

La merce era nascosta nella sua abitazione, all'interno di mobili abilmente modificati, tra cui un appendiabiti da parete con un doppio fondo, a cui si accedeva con una particolare chiave nascosta in uno dei pomelli. Un'organizzazione estremamente accurata, celata anche dai frequenti cambi di residenza e dall'alto tenore di vita dell'uomo. Sono state sequestrate anche due chiavette usb tocken che servono per accedere al conto virtuale. L'organizzazione si serviva di chat criptate che si autodistruggevano pochi secondi dopo aver ricevuto i messaggi dai clienti, in modo da non lasciare tracce delle contrattazioni. Erano anche impiegati dei veri e propri uscieri con il compito di accogliere clienti e fornitori, pagati circa 100 euro a giornata.

«La possiamo definire "operazione 2.0" - afferma il dirigente della squadra mobile Mauro Carisdeo - perchè anche la polizia si è dovuta commisurare ai tempi moderni, in cui anche le tecniche di spaccio evolvono. Quando ci siamo infiltrati nel deep web a farci insospettire è stata l'intercettazione di un pacco consegnato a Padova e inviato dall'abitazione del gestore del bar, lì abbiamo trovato il bandolo della matassa». Si è trattato della prima operazione del genere a Padova, come sottolinea il questore Paolo Fassari: «La droga ha un livello di principio attivo altissimo, il più alto mai sequestrato in città ed è uno dei primissimi casi in cui sono servite tecnologie tanto accurate. Un plauso a tutti i colleghi, che in silenzio e con devozione hanno raggiunto questo risultato eccellente».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento