menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il denaro

Il denaro

Truffata dal finto operatore di Poste, dal conto spariscono 25mila euro

La disavventura capitata ad una 45enne di Paese che era stata contattata per l'attivazione di una carta di credito. La donna si è rivolta ai carabinieri che hanno denunciato nove persone, tutte residenti in provincia di Taranto

Era stata contattata da un finto operatore di Poste Italiane che l'aveva convinta ad attivare una carta di pagamento: era solo un pretesto, emergerà in seguito, per ottenere i dati personali della vittima ed effettuare ben dieci bonifici a favore di altrettanti conti correnti diversi, per un totale di quasi 25mila euro. Vittima di questo raggiro una 45enne di Paese che si è rivolta ai carabinieri di Paese per segnalare la truffa subita. I militari nei giorni scorsi sono riusciti ad identificare e denunciare i responsabili: si tratta di nove persone, tutte originarie della provincia di Taranto.

L'episodio risale ai primi giorni del mese di febbraio scorso quando la malcapitata aveva ricevuto una telefonata da un uomo che spacciandosi per operatore delle Poste l'aveva convinta e poi supportata nell'attivazione di una carta di pagamento, riuscendo così a carpirne i dati personali e quindi a far effettuare i bonifici.

«Occorre sempre essere a conoscenza della procedura corretta per l'attivazione e la gestione delle carte di pagamento, credito -raccomanda l'Arma dei carabinieri- mediante un contatto sicuro con il proprio referente di filiale o contattando il numero verde che ogni ente gestore ha. Non ci si deve fidare di chi telefona spacciandosi per funzionario o fornire dati personali, codici, ecc».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento