Cade e sbatte la testa, muore dopo due settimane di agonia

Maurizio Nicoletti, 60 anni, era stato vittima di un incidente lo scorso 10 agosto mentre si trovava a Villorba. Ora in pensione, aveva gestito l'autofficina di famiglia ed è stato l'anima della squadra di pallamano del Paese, prima come giocatore, poi come allenatore e presidente

Maurizio Nicoletti

Anima della squadra di pallamano del Paese e grande amante dell'automobilismo. Così in molti ricordano Maurizio Nicoletti, mancato lunedì scorso, 24 agosto, all'età di 60 anni a causa dei postumi di una grave caduta. Nicoletti è molto conosciuto nell'ambiente sportivo trevigiano per aver promosso per decenni la pallamano, disciplina praticata prima come giocatore, poi insegnata ai giovani come allenatore e quindi da presidente della locale società trevigiana. Per tanti anni il 60enne aveva inoltre gestito l'autofficina e rivendita di auto "Autonic" che gli era stata lasciata dal padre Piero.

Lo scorso 10 agosto il 60enne era stato ricoverato, in gravissime condizioni, nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Ca' Foncello di Treviso. Nel pomeriggio di quel giorno Maurizio Nicoletti, in pensione da qualche tempo, venne trovato a terra, a pochi passi dalla sua auto, a Villorba, dove si trovava per completare un ciclo di massaggi a cui si stava sottoponendo: l'uomo era probabilmente scivolato a terra, forse per una disattenzione o un improvviso mancamento, sbattendo violentemente il capo contro un marciapiede. Un urto violentissimo che gli aveva provocato un forte trauma cranico. Lunedì scorso, 24 agosto, dopo quattordici giorni di lenta e dolorosa agonia, si è spento: i medici, durante i giorni del suo ricovero, hanno tentato di fare il possibile per salvargli la vita ma purtroppo ogni tentativo si è rivelato essere inutile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre alla moglie Lucia e al figlio Alberto (figlio d'arte, gioca nella formazione dell'Oderzo, nella serie A2), Maurizio Nicoletti, lascia anche la mamma Maria, i fratelli Roberto e Patrizia e il cognato Vincenzo. Le esequie si terranno giovedì 27 agosto, alle ore 10,30, presso la chiesa Parrocchiale di Paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento