Cronaca

Minacce di morte ad un neonato, 50enne alla sbarra

Adriano Hudorovich avrebbe estorto ad una famiglia di Paese la cifra di 25mila euro, che le vittime gli hanno dato dopo aver contratto un prestito

Adriano Hudorovich è a processo per estorsione

Avrebbe pagato, in nero, sulla garanzia di una redditività poi rivelatisa inestistente. Ma per tornare a casa di quello che considerava suo Adriano Hudorivich, 50enne di Paese, ha scelto la strada più breve, ovverosia la minaccia. Costringendo così la vittima dell'estorsione per cui è finito a processo a prendere in prestito 25 mila euro e a ridarglieli.

Sono questi i fatti di cui si occupa il processo iniziato oggi, lunedì 21 dicembre. Hudorovich si sarebbe reso responsabile di una serie di minacce, alcune anche di morte, dirette verso la vittima, la moglie e soprattutto il figlio piccolo, praticamente un neonato. Frasi del tipo "se non mi consegnate i soldi vengo a casa vostra assieme ai miei nipoti", oppure "datemi i soldi, non costringetemi a fare ciò che non voglio fare", ripetute al telefono e di persona. Alla donna Hudorovich avrebbe riservato anche delle attenzioni "particolari", aspettandola fuori dal locale pubblico dove lavora e rivolgendole proposte oscene.

Alla fine, esasperate, la vittima e la sua famiglia avrebbero ceduto e consegnato al 50enne assegni e contanti per circa 25 mila euro, in gran parte presi in prestito.  
   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce di morte ad un neonato, 50enne alla sbarra

TrevisoToday è in caricamento