Parete per l'arrampicata orizzontale alla scuola d'infanzia di Castagnole

Presso la scuola d'infanzia Larizza di Castagnole di Paese giovedì mattina 08 dicembre sarà inaugurata l'arrampicata orizzontale OFC, realizzata con il contributo volontario di genitori, insegnanti, bambini.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Giovedì 8 dicembre alle ore 10 presso la scuola dell'infanzia "F. Larizza" di Castagnole di Paese verrà inaugurata l'arrampicata orizzontale OFC (Orizontal Free Climbing), realizzata grazie al lavoro volontario di genitori, insegnanti e bambini. La progettazione della parete attrezzata è stata curata e seguita dall'associazione Moving School 21, che da anni promuove attività ed installazioni per la salute e il benessere dei bambini (e non solo) negli spazi della scuola e nella città. OFC è una parete attrezzata con prese e corde che permettono di arrampicarsi, attività molto amata dai bambini. Le varie forme delle prese con i loro angoli, spigoli e arrotondamenti, costituiscono delle vere e proprie "sfide" per le mani e per i piedi. Gli appigli in legno poi provocano delle emozioni tattili. Le forme del legno degli appoggi per i piedi, per esempio, sollecitano dei precisi punti da agopuntura e gli incroci meridiani sulla pianta del piede. Le corde di canapa impegnano invece in modo alternato mani e piedi. «Con questa installazione - spiega suor Natalina De Nobili, direttrice della scuola d'infanzia di Castagnole - i bambini e gli insegnati hanno a disposizione uno strumento innovativo per favorire lo sviluppo motorio, emozionale e cognitivo, ma anche per imparare ed insegnare in modo divertente e stimolante, abbinando all'esercizio fisico occasioni di apprendimento. In questi primi giorni in cui i bimbi hanno potuto provare la parete, abbiamo riscontrato non solo uno sviluppo dell'attività motoria, ma anche una finalità pedagogica e sociale, poiché genera gioco interattivo e relazione, nonché un maggior controllo del movimento e del proprio corpo". All'inaugurazione della parete attrezzata partecipano la dottoressa Gianna Piovesan dell'Ulss 9 di Treviso, che con la rete "Lasciamo il segno" sviluppa progetti e percorsi formativi per promuovere il movimento a scuola e in città, migliorando la qualità degli spazi outdoor e urbani, e Katia Uberti, assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Paese.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento