menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parroco imprenditore a processo, alla fine la colpa è dell'Inps

Don Divino Gamma, originario di Paese e titolare di due aziende, era accusato di non aver versato una mensilità di contributi. Ma è poi emerso che aveva pagato e l'Istituto non aveva dato comunicazione

Parroco imprenditore trevigiano finisce a processo per una svista dell'Inps. Protagonista della vicenda, riportata dalla Tribuna di Treviso, è don Dividino Gamma, sacerdote originario di Paese e titolare di due aziende di elettronica, Telegamma, e e camicie, Dividino, nate per dare lavoro e sostenere le persone disagiate.

Il religioso, che gestisce una parrocchia nell'isola di Mosquiero, era stato accusato dall'Inps di non aver versato una mensilità di contributi per i dipendenti della Telegamma. Il processo però si è concluso martedì con l'assoluzione di don Gamma.

Il parroco infatti ha dimostrato di aver pagato la somma, oltre 18mila euro, non nell'immediatezza ma di averla rateizzata e liquidata in accordo con l'Inps, che però non ne aveva dato comunicazione alla Procura, innescando così il procedimento a carico del sacerdote.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto Canova, Ryanair annuncia la programmazione estiva

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento