rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Povegliano

Campane di protesta contro strapotere finanziario a Povegliano

Il parroco suona le campane tutti i giorni alle 17.30, l'orario di chiusura delle borse, per manifestare il proprio dissenso verso il potere della finanza internazionale

Tutti i giorni nell'orario di chiusura delle borse, alle 17.30 spaccate, i rintocchi delle campane della chiesa di Povegliano richiamano l'attenzione di fedeli e non.

Il parroco, don Giovanni Kirschner, infatti ha deciso di dare battaglia allo "strapotere della finanza internazionale" a suon di rintocchi.

La protesta del sacerdote, secondo quanto riportato da Il Gazzettino, è iniziata alla fine del 2011, tra le perplessità dei cittadini. Don Giovanni però non demorde e porta avanti il suo concerto giornaliero "per risvegliare le coscienze in questi tempi di crisi globale".

Si tratta di "un modo per manifestare – spiega il parroco – contro la libera volpe in libero pollaio, per provare a smuovere la gente e farla unire alla richiesta di regole per controllare un mercato dove pochi ricchi decidono i destini di miliardi di persone".

Il sacerdote di Povegliano non è nuovo a iniziative originali. Per richiamare l'attenzione dei suoi parrocchiani nei confronti dei problemi dei più bisognosi, per esempio, ha tappezzato la canonica di foto di bambini denutriti e ha allestito una piazzola vicino alla chiesa per accogliere extracomunitari e rom. E tre anni fa ha voluto issare sul tetto della canonica la bandiera della Romania per solidarietà con il suo popolo. (ANSA)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campane di protesta contro strapotere finanziario a Povegliano

TrevisoToday è in caricamento