menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Multato per un poster illegale: parrucchiere paga con le tinte

Il 61enne Dino Diserò, multato per 300 euro dal Comune di Valdobbiadene, ha pagato la sanzione con prodotti professionali

VALDOBBIADENE - Ha appeso un poster sulla vetrina del suo negozio e per questo è stato multato dai dipendenti del Comune. Lo sfortunato protagonista di questa vicenda è Dino Diserò, 61enne di Belluno e parrucchiere a Valdobbiadene che si è visto comminare una sanzione da 300euro.

Il 61enne però, non avendo liquidità sufficiente per coprire il debito con il Comune, ha deciso di pagare i 300 euro di multa con 55 tinte per capelli, tre bottiglie di acqua ossigenata e un diffusore per capelli: tutti prodotti professionali di valore che coprivano abbondantemente la sanzione. L'idea però non è nuova ed è venuta alla mente dell'uomo dopo aver visto nei giorni scorsi Cesare De Stefani (proprietario dell'Osteria Senz'Oste) pagare una multa da 1750 euro allo Spisal di Montebelluna con una mucca di sua proprietà.

In ogni caso, i prodotti proposti dal parrucchiere sono stati accettati dal Comune e protocollati come da regolamento. Purtroppo però per l'uomo si tratta della terza multa in sei anni da quando si è trasferito col negozio a Valdobbiadene. Anni fa era stato anche oggetto di una sanzione da 3700 euro (poi annullata dal Tribunale) per abuso edilizio in quanto nelle pause pranzo l'uomo mangiava e dormiva all'interno del proprio negozio, non potendo tornare a casa nel bellunese. Il 61enne ora vive alla giornata e medita di chiudere, anche perchè a suo dire i regolamenti cambiano ogni giorno e il rischio di multe è sempre alle porte mancando il buonsenso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento