menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il campo sportivo di Bavaria

Il campo sportivo di Bavaria

Giocano a calcio nel campetto della parrocchia: 14 giovani multati

L'episodio risale alla settimana scorsa, nella frazione di Bavaria a Nervesa della Battaglia. A chiamare i carabinieri è stato un passante. 5600 euro il totale delle sanzioni

Hanno tra i 15 e 17 anni i quattordici ragazzi multati la scorsa settimana dai carabinieri di Nervesa della Battaglia per essersi messi a giocare a calcio nel campetto parrocchiale della frazione di Bavaria. Una partitella tra amici costata ben 5600 euro, visto che ognuno dei 14 giovani è stato sanzionato con 400 euro a testa.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", dopo l'ennesima mattinata di didattica a distanza i ragazzi si sono dati appuntamento tramite WhatsApp per organizzare una partita di calcio in parrocchia e ritrovarsi di persona. In questo modo hanno però violato le norme contro gli assembramenti e quelle che vietano gli sport di contatto. Nessuno si sarebbe accorto di nulla se non fosse che i giovani sono stati segnalati da un passante che ha chiamato sul posto il 112. Quando la volante dei carabinieri è arrivata sul posto ha trovato i 14 giovani ancora in campo. Inevitabili le sanzioni, soprattutto dopo la segnalazione del cittadino. Toccherà ora alle famiglie pagare le multe. Una notizia che ha diviso la piccola frazione di Nervesa dove, da una parte in molti sostengono che fosse giusto multare i ragazzi per non aver rispettato le norme, ma non manca anche chi sostiene che un semplice richiamo verbale da parte dei carabinieri, forse, sarebbe potuto bastare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Attualità

Covid, è morto Mario Guizzon: cognato di Tina Anselmi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Lite furibonda, cosparge di benzina il collega e gli dà fuoco

  • Attualità

    Ulss 2, il direttore Francesco Benazzi: «La sanità trevigiana è donna»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento