Insulti all'arbitro e ai tifosi: genitore fuori controllo, partita sospesa

E' successo sabato 12 gennaio in Ghirada durante la partita tra il Treviso Basket under 16 e i Leoncini di Mestre. Un genitore veneziano ha dato in escandescenze, match interrotto

Partita del settore giovanile (Foto tratta dal sito Treviso Basket)

Mestre e Treviso: due città la cui rivalità sportiva è da sempre molto accesa. Le offese pronunciate sabato scorso da un genitore mestrino però, non hanno nulla a che vedere con lo sport e hanno superato ogni limite, costringendo l'arbitro dell'incontro a interrompere una combattutissima partita tra giovani cestisti.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso" infatti, sabato 12 gennaio, agli impianti della Ghirada è andata in scena la partita tra il Treviso Basket under 16 e il Basket Leoncino di Mestre. Un match molto atteso, in cui nessuna delle due squadre sembrava riuscire a prevalere sull'altra. All'improvviso, alcune difficili decisioni arbitrali e un pubblico indemoniato hanno fatto degenerare la situazione. Durante l'ultimo quarto di gara l’arbitro ha fischiato un fallo contro i leoncini, dando palla ai ragazzi del Treviso Basket. Una decisione che ha mandato su tutte le furie un papà mestrino il quale non ha esitato a insultare pesantemente il direttore di gara con parole udite chiaramente fin sul campo da gioco. In un primo momento l'arbitro ha provato a far finta di nulla ma vedendo che il genitore era incontenibile ha deciso di sospendere l'incontro. A quel punto la tifoseria ospite è riuscita ad allontanare il facinoroso dagli spalti. Ci sono stati momenti di grande tensione tra le due tifoserie ma, alla fine, il gioco è ripreso e Treviso è riuscita a vincere grazie a un solo canestro di scarto. Il genitore indemionato, dopo essersi calmato, è stato riammesso sulle tribune dove però non ha potuto far altro che assistere, negli ultimi secondi di gara, alla sconfitta della squadra di Mestre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Cade dalla sedia della sua cameretta, bimbo di nove anni grave all'ospedale

  • Esce per un controllo delle lepri: muore stroncato da un infarto

  • Sfreccia a 127 km/h con il suo bolide: il limite era 50 km/h

Torna su
TrevisoToday è in caricamento