Vetrata abbattuta a mazzate, colpo alla concessionaria di moto

Blitz dei ladri alla "De Negri" di via Feltrina a Pederobba: spariti tre mezzi per un valore di diverse decine di migliaia di euro e vari navigatori. Malviventi in fuga a bordo di un furgone

L'interno della concessionaria dopo il furto

Tre splendide moto Honda ovvero una Cbr 1000, una Cbf 500 e una Crf 250 e cinque navigatori. Questo il bottino, del valore di diverse decine di migliaia di euro, che una banda di ladri è riuscita a rubare all'interno della concessionaria di moto nuove e usate "De Negri" di via Feltrina a Pederobba. Il colpo è avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì: ad agire, verso le 3 del mattino, almeno tre malviventi (questi quelli inquadrati dalle telecamere ma si sospetta potrebbero essere stati almeno in cinque) che, in neppure cinque minuti, hanno sfondato a mazzate le vetrate esterne della concessionaria, trascinando poi fuori i mezzi (urtando e danneggiandone alcuni che ostruivano loro il passaggio) e caricandoli poi a bordo di un furgone. In precedenza, per accedere al piazzale, era stato creato un varco attraverso la rete.

Sul posto, allertati dal sistema d'allarme che era immediatamente scattato, sono giunte alcune guardie giurate e i carabinieri di Montebelluna: una pattuglia dei militari avrebbe anche intercettato e inseguito i malviventi, purtroppo senza riuscire a fermarne la fuga. Per il titolare dell'attività, Diego De Negri, quella trascorsa è stata una giornata certamente molto difficile ma non certamente la peggiore da quando gestisce la sua storica e prestigiosa concessionaria: nel 1993 i malviventi riuscirono nell'impresa, si fa per dire, di svaligiare completamente il suo salone.

Purtroppo le avvisaglie di ciò che è accaduto l'altra notte c'erano tutte. I ladri infatti, sempre immortalati dalle telecamere, erano già giunti alla concessionaria "De Negri" nella notte tra lunedì e martedì. Approfittando del fatto che il capannone che si trova a lato della concessionaria è vuoto e ha generalmente i cancelli aperti, i malviventi hanno rotto un altro tratto di rete e hanno cercato, fortunatamente senza riuscirci, di sfondare una porta sul retro che però non ha ceduto. Il blitz del gruppo, composto in questo frangente da cinque persone, è fallito: i banditi sono stati costretti a dileguarsi per evitare si essere scoperti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

WhatsApp Image 2019-05-24 at 12.55.40-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento