menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'uomo, che dice vittima di una estorsione, ha testimoniato in aula

L'uomo, che dice vittima di una estorsione, ha testimoniato in aula

Prostituta estorce denaro al cliente:«Mi ha preso il portafoglio e minacciato»

La donna, una lucciola albanese di 30 anni, avrebbe costretto un 50enne a darle 100 euro sotto la minaccia di di denunciarlo per violenza sessuale

«Mi ha preso il portafoglio, alla mia reazione mi ha minacciato». Ha parlato il trevigiano 50enne che sarebbe stato vittima di una estorsione da parte di una  prostituta albanese, che "batteva" dalle parti di Pederobba. «Dammi soldi o dirò che mi hai violentata» gli avrebbe detto la lucciola.

Stamattina, mercoledì 3 marzo, l'uomo è salito sul banco dei testimoni per dare la sua versione dei fatti. La storia, che si sarebbe svolta la notte del 23 febbraio del 2016, ha come protagonisti S.C., una albanese di 30 anni e lui, uno di quelli che alla sera va a caccia di sesso mercenario a buon mercato e quella notte stava in zona cercando compagnia. Il 50enne è sulla strada principale che porta verso il centro di Pederobba e sul ciglio della strada nota una ragazza. L'orario e il contesto gli fanno fare "due più due" e quindi si avvicina e fa segno ad S.C. di avvicinarsi. Questa, agghindata come una che batte la strada, si qualifica come prostituta ed entra nella macchina. Ma una volta appartati in una zona buia sarebbe scattata la trappola. L'uomo e la donna infatti non consumano affatto un rapporto sessuale e lei  passa alle minacce. «Dammi soldi o ti denuncio» gli dice, aggiungendo: «O mi paghi o ti denuncio per violenza sessuale, dirò che mi hai violentata».

«Ho dato un passaggio a quella donna- ha spiegato il 50enne - lei prima ha fatto "la carina", poi si è impossessata del mio portafogli.  Mi ha intimato di darle il denaro che c'era all'interno o avrei passato un mare di guoi». Successivamente, forse temendo che lei gli avesse preso il numero di targa e potesse tornare alla carica con nuove pretese l'uomo ha preso ed è andato dritto ai carabinieri. «E' salita in macchina - è la sua versione - dicendo che era una prostituta ma poi mi ha estorto denaro sotto minaccia».

«La deposizione dell'uomo - dice Fabio Busnardo, il legale che difende la donna - è apparsa quantomai contraddittoria rispetto alle dichiarazioni fatte ai carabinieri in sede di querela, a cui aveva detto che avrebbe cominciato a spogliarsi e gli avrebbe fatto avances, particolari che oggi non ha riferito».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Attualità

Veneto in zona arancione: cosa si può fare da martedì 6 aprile

Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento