rotate-mobile
Cronaca

Finte vaccinazioni, no al patteggiamento: Emanuela Petrillo verso il processo

L'infermiera, indagata dalla Procura di Udine per peculato, omissione d'atti d'ufficio e falso, è accusata di non aver somministrato il siero a 9mila pazienti tra il 2009 al 2016

TREVISO Emanuela Petrillo, l'infermiera 30enne accusata di non aver somministrato, tra il 2009 e il 2016 (prima a Codroipo, poi a Treviso), il vaccino ad almeno 9mila pazienti, affronterà il processo con il rito abbreviato, rinunciando al patteggiamento. Petrillo è indagata dalla Procura di Udine per peculato (accorpato alcuni mesi fa il fascicolo d'inchiesta aperto a Treviso), omissione d'atti d'ufficio e falso: in caso di condanna l'infermiera potrà avere la riduzione di un terzo della pena. Il patteggiamento, soluzione vagliata dal legale della 30enne, Paolo Salandin, avrebbe portato all'esborso di un milione di euro per ciscuna delle Ulss in cui la donna, finita ad aprile nell'occhio del ciclone, ha lavorato. Nei prossimi giorni sarà fissato l'incidente probatorio in cui saranno prese in esame 150 provette di sangue acquisite da pazienti sia trevigiani che friulani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finte vaccinazioni, no al patteggiamento: Emanuela Petrillo verso il processo

TrevisoToday è in caricamento