Foto delle piante di marijuana su whatsapp, incastrati colvivatori

18 piante di marijuana pronte per essere recise e suddivise. Sono finiti in manette a Crespignaga due ragazzi, altri due invece denunciati

Si aggiravano a Crespignaga di Maser sul Monfumo e si dirigevano verso le loro piante di marijuana per annaffiarle, ma non sapevano di essere osservati dai carabinieri. È così che sono finiti in manette due ragazzi del luogo, A.I., 27 anni e T.P di 24, entrambi italiani e incensurati.

Le 18 piante di marijuana erano collocate all’interno di alcuni vasi nascosti in un bosco. Dalle ricostruzioni effettuate dai militari della stazione di Cornuda è stato riscontrato che i coltivatori, insieme ad altri due ragazzi, avevano acquistato prima dell’estate dei semi di canapa indiana e ormai le piante si presentavano mature per essere recise e suddivise. I quattro sono stati incastrati dalle loro conversazioni su Whatsapp, applicazione per scambiare sms sul cellulare. Per molto tempo, infatti, si sono scambiati foto e video per aggiornarsi sulla regolare coltivazione.

CARABINIERI TRAVESTITI DA AGRICOLTORI SCOVANO PIANTAGIONE

All’interno delle abitazioni dei due arrestati sono state recuperate delle foglie essiccate per un peso di 40 grammi, scatoline in plastica pronte per il confezionamento, bilancino di precisione e vario altro materiale utilizzato per la coltivazione delle stesse. Gli altri due ragazzi sempre del luogo e incensurati sono stati denunciati a piede libero.

"DEVO RISTRUTTURARE", PIANTA MARIJUANA IN GIARDINO

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo la stazione di Nervesa della Battaglia, a seguito di segnalazioni di alcuni cittadini tra cui qualche giovane del luogo, ha eseguito un paio di perquisizioni riuscendo a  recuperare nell’abitazione di un giovane di Nervesa, classe 1979, disoccupato, incensurato quattro piante di marijuana e nell’abitazione di un ragazzo italiano dell’anno 1988, di Arcade, due piante. Tutto il materiale è stato posto in sequestro e i due ragazzi sono stati denunciati a piede libero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Vento, grandine e alberi caduti: il maltempo flagella la Marca

  • Malore al risveglio, il sorriso di Alessandra si spegne a 44 anni

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento