menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Maya e i suoi soccorritori

Maya e i suoi soccorritori

Scappa durante una passeggiata sul Grappa, ritrovata la cucciola Maya

I due proprietari hanno tentato di seguirne i guaiti chiamandola, costretti però a rientrare quando si sono resi conto che la situazione era molto pericolosa. Fondamentale l'intervento del soccorso alpino

È stata rintracciata e recuperata dal Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa Maya, l'husky di due anni scappata ieri durante una passeggiata sul Monte Grappa. Mentre con una coppia di Padova si trovava lungo il sentiero numero 151, che da San Liberale sale al Pian della Bala, il cane aveva iniziato a strattonare il guinzaglio, probabilmente per l'odore di un camoscio, finché non era riuscito a lacerare la pettorina lanciandosi verso l'alto nel bosco di un ripido canale. I due proprietari hanno tentato di seguirne i guaiti chiamandola, costretti però a rientrare quando si sono resi conto che la situazione era molto pericolosa.

Alle 16.50 è quindi stato allertato il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa, che, valutata l'impossibilità di individuarla oramai buio sotto la pioggia, questa mattina alle 7 ha inviato una squadra sul luogo dove era stata vista l'ultima volta. Con un drone i quattro soccorritori hanno tentato di sorvolare l'area. Ostacolati però dalla copertura arborea hanno quindi proseguito a piedi. A un certo punto Maya ha risposto ai richiami e un soccorritore l'ha individuata: era adagiata su una cengia esposta cento metri più sopra. Il tecnico si è fatto raggiungere da altri due soccorritori e con tecniche alpinistiche e ramponi ai piedi per il terreno congelato è salito da lei. Poiché era impaurita e in continuo movimento, non senza fatica è riuscito ad avvicinarla e a imbragarla. Agganciata a un soccorritore, Maya è stata così calata per quattro riprese fino al sentiero sottostante, dove è stata riconsegnata ai suoi padroni. 

L'intervento salvifico dei soccorritori ha fortemente colpito Sara Barbiero, proprietaria di Maya, che con il compagno Alessio ha deciso di aprire una campagna di raccolta fondi per il soccorso alpino sulla piattaforma Gofundme: "Per rendere omaggio al fantastico corpo del Soccorso alpino nazionale, mostratosi in azione con il salvataggio di Maya, noi che siamo stati sventurati in questa vicenda abbiamo deciso di creare una raccolta fondi da destinare loro per la meravigliosa competenza, prontezza e soprattutto per il grande cuore che contraddistingue ogni membro. Ogni giorno in totale attività di volontariato ognuno di loro offre aiuto per animali e persone in ambiente montano, elogiamo dunque ogni loro sforzo e supportiamoli come possiamo per garantirci il loro soccorso nel luogo che più amiamo, maestosa montagna!".

salt_20201210_133533_269-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento