menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Intervenuti i carabinieri

Intervenuti i carabinieri

Fugge ai 200 chilometri all'ora e si schianta contro l'auto dei carabinieri

Rocambolesco inseguimento nel cuore delle notte tra le province di Vicenza e Treviso. Il conducente è stato arrestato dopo aver tentato un'ulteriore fuga a piedi. Aveva in tasca due grammi di coca

Rocambolesco inseguimento la scorsa notte, tra le provincie di Vicenza e Treviso, terminato con lo schianto del fuggitivo contro un'auto dei carabinieri. In manette il conducente, un 31enne di Bassano, trovato in possesso di due grammi di cocaina. Verso le due di lunedì un'autoradio dei militari, mentre percorreva via Lanzarini nel comune di Romano, ha intimato l’alt ad una Alfa 147 che, anziché fermarsi, accelerava bruscamente e si dava alla fuga.

L’assenza di traffico ha spinto il fuggitivo a velocità che sfioravano i 200 all’ora, in strade strette e non certo rettilinei da formula uno. L’equipaggio, sulla scia dell’auto in fuga, che non accennava a fermarsi nonostante i segnali attivati dai militari, ha comunicato via radio i continui cambiamenti di direzione che l'Alfa percorreva tra i comuni di Romano d’Ezzelino e Mussolente. Le pattuglie comunque, anche quelle dei comandi Arma limitrofi, convergevano nella zona teatro dell’inseguimento ed hanno iniziato a stringere la morsa, chiudendo varie direzioni di fuga.

Resosi conto di quanto stava avvenendo, l’uomo alla guida della 147 è uscito dal territorio bassanese e ha imboccato la provinciale 129 dove, pochi chilometri dopo, incalzato dalle pattuglie di Bassano, è andato a collidere frontalmente con la pattuglia dei carabinieri di Asolo, che stava percorrendo via XXIV Maggio a Pieve del Grappa in provincia di Treviso

Il conducente, sceso dall'auto, a quel punto ha tentato una fuga a piedi, ma i carabinieri della gazzella l’hanno inseguito e bloccato. Sottoposto a perquisizione, l'uomo è stato trovato in possesso di circa 2 grammi di cocaina, che ha dichiarato non essere sua. A finire in manette Marco Ilardo, già conosciuto alle forze di polizia. Informata l’A.G. di Treviso, competente per territorio, sentita sull’accaduto, ha disposto la custodia dell'uomo presso la camera di sicurezza della Stazione dei carabinieri di Bassano del Grappa, in attesa del rito direttissimo. L'uomo è stato condannato ad un anno e sei mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento