rotate-mobile
Cronaca Pieve di Soligo / Via Verizzo, 10

Nascosti in un camion attraverso la rotta dei Balcani: sette afghani arrivati nella Marca

I giovani, in buone condizioni, sono partiti cinque settimane fa dal paese asiatico. Nella mattinata di oggi, 22 dicembre, sono scesi dal mezzo mentre stava scaricando del mangime nel cortile dell'azienda Eurovo Maia di Pieve di Soligo. Intervenuti i carabinieri e la polizia locale

Sette cittadini afghani, tra cui solo due maggiorenni e il resto giovanissimi, di circa 16 anni. Il gruppetto di stranieri si trovava nascosto all'interno del cassone di un camion telonato che stava trasportando mangimi e si è fermato nella mattinata di oggi, 22 dicembre, nel piazzale dell'azienda Maia (noto allevamento di galline e produzione di uova) di Pieve di Soligo, in via Erizzo. I ragazzi, dotati di cibo e acqua, sono in buone condizioni e attualmente si trovano ospitati in una struttura della Marca. Intervenuti presso la ditta i carabinieri della stazione di Pieve di Soligo che hanno accompagnato gli stranieri in caserma a Vittorio Veneto per una prima identificazione, gli agenti della polizia locale e gli infermieri del Suem 118 per una prima visita e i test anti-Covid. Gli stranieri, come altri avventurieri prima di loro, hanno percorso con ogni probabilità la "rotta dei Balcani", uno dei percorsi migratori maggiormente utilizzati per scappare dalla povertà. Nel caso dei sette giovani afghani, la fuga è stata da un regime, quello dei talebani, capace negli ultimi giorni di vietare gli studi universitari alle proprie donne. Il viaggio sarebbe durato almeno cinque settimane.

In attesa delle forze dell'ordine gli operai di "Maia", i primi a scoprire i clandestini a bordo del camion, hanno rifocillato gli stranieri con cibo e the caldo. Il camionista è stato interrogato dai militari e nei suoi confronti non saranno presi provvedimenti: era probabilmente inconsapevole degli ospiti che stava trasportando e che potrebbero aver approfittato di una sosta durante il percorso per insinuarsi tra i sacchi di mangime. Presso l'azienda è giunto anche il sindaco di Pieve, Stefano Soldan, che ha messo a disposizione un piccolo pullman per il trasporto dei giovani afghani.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nascosti in un camion attraverso la rotta dei Balcani: sette afghani arrivati nella Marca

TrevisoToday è in caricamento