rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Cronaca

Polizia di Treviso: anno intenso il 2015, positivi i risultati ottenuti

Incremento delle pattuglie, maggiore azione di prevenzione, aggiornamento della centrale operativa questi alcuni degli obbiettivi raggiunti. Nuovi progetti in corso per il 2016

TREVISO Anno intenso il 2015, per il comando della polizia locale di Treviso, condizionato dalla problematica legata alla carenza di risorse, sia economiche che umane. Gli sforzi di tutto il corpo sono stati però premiati, come dimostrano i dati del consuntivo 2015. Si sottolinea come, la direttiva dell’Amministrazione di incrementare i servizi con pattuglie di grande visibilità,  dai giardini S.Andrea, alla Riviera S.Margherita, ha condizionato l’attività, a favore di una maggiore azione di prevenzione rispetto a una funzione meramente repressiva. L’attività formativa, ha visto la partecipazione 83 operatori per un totale di 664 ore, ad un corso specifico finalizzato ad affinare le capacità inter relazionali del singolo operatore, nei contatti con il cittadino e in special modo nelle situazioni dove maggiormente possano sorgere delle contrapposizioni, l’attività di educazione stradale rivolta agli studenti delle scuole primarie e secondarie ha invece coinvolto oltre 440 allievi.

Rimangono sempre numerose le richieste telefoniche per interventi, informazioni, registrate alla centrale operativa, nel corso del 2015 oggetto di un intervento radicale di aggiornamento, sia della componente hardware, che software. Intervento che consentirà una razionalizzazione dei servizi esterni, garantendo alla cittadinanza un maggiore puntualità e tempestività. Nell’ambito dell’attività di polizia giudiziaria, che quest’anno ha visto anche l’istituzione di un' unità cinofila con l’acquisizione di una femmina di pastore tedesco “trixie”, l’attività ha portato al deferimento all’autorità giudiziaria di 208 soggetti. Particolare rilevanza ha avuto l’attività preventiva sul territorio in  ausilio e collaborazione con gli operatori del nucleo pronto intervento e nuclei di prossimità,  in relazione al contrasto del consumo e spaccio sostanze stupefacenti .

Sul fronte della attività di ricerca e sanzione della circolazione con documenti falsi, il numero dei falsi accertati effettivamente certificati dal laboratorio analisi documentale sono stati 53. Anche in questo caso si evidenzia che l’alta professionalità acquisita e i risultati raggiunti nel corso di questi anni, ha fatto sì che molteplici sono gli organi di polizia che chiedono ausilio al L.A.D.  della polizia locale di Treviso. In materia di circolazione stradale il confronto con l’attività sanzionatoria dell’anno precedente, si attesta sui medesimi numeri in termini di infrazioni accertate. Il progetto notturno 2015 denominato “Treviso Si-cura Insieme”, che ha visto l’incremento sull’intero territorio comunale in orari notturni dell’attività di prevenzione e di controllo, sia in merito ad infrazioni al  C.d.S. che nell’attività di prevenzione ai reati predatori, ha comportato l’impiego di 409 pattuglie. 2034 sono stati i conducenti controllati, di cui  983 sottoposti a pretest alcolimetrico, innumerevoli i servizi  espletati  per manifestazioni.

Nell’ambito dei controlli su ordinanze regolamenti, si è riscontrato un aumento esponenziale delle violazioni e del divieto in alcune circoscritte del centro storico  di detenere, consumare alcool. Tale attività ha permesso, di contenere e di ridimensionare l’impatto negativo sulla sicurezza e sul decoro urbano.  In materia di sicurezza urbana è da segnalare l’avvio del progetto sperimentaleControllo del Vicinato”, fortemente voluto dall’Amministrazione. Progetto che dopo la creazione e attivazione delle tre zone nel centro storico, verrà esteso anche ai quartieri esterni e che vedrà coinvolta la polizia locale. Da evidenziare l’impegno da tutto il personale  nell’attività viabilità e di controllo-assistenza, nel corso delle innumerevoli manifestazioni, promosse da questa Amministrazione e che hanno comportato un notevole sforzo in termini organizzativi.La polizia locale ora guarda al futuro e all’intenso lavoro ancora ad svolgere sul territorio a iniziare dall’ampliamento del progetto Controllo del Vicinato nei quartieri, alla collaborazione con l’ufficio Mobility Manager  per gestione attivazione dei futuri varchi elettronici nelle ZTL.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia di Treviso: anno intenso il 2015, positivi i risultati ottenuti

TrevisoToday è in caricamento