Nessun reato, l'invalido ballerino assolto dal tribunale di Treviso

Claudio Vendramin, 65enne operaio di Ponzano Veneto, era finito a giudizio per truffa ai danni dello Stato con l'accusa di aver dichiarato alla Commissione Medica dell'Ulss di non deambulare normalmente, mentre invece era risultato, secondo l'accusa, che camminava normalmente e, appunto, ballava

L'invalido ballerino

Era finito a processo come "il falso invalido ballerino" ma Claudio Vendramin, 65enne operaio di Ponzano Veneto, dopo sei anni ha avuto ragione. Ieri il Tribunale di Treviso, dopo averlo condannato nel 2014 a 4 mesi per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato e a quasi 63 mila euro, lo ha assolto perché il fatto non costituisce reato. Il giudice ha anche revocato il sequestro emesso a suo tempo nei suoi confronti a garanzia del pagamento delle sanzioni e delle spese di legge in caso di condanna.

La vicenda risale al 2002. Vendramin venne accusato di essere un falso invalido e di aver così truffato l'lnps percependo la pensione che non gli spettava. A smascherarlo era stata la moglie che, per cercare prove sufficienti a intentare una causa di separazione, aveva assoldato un investigatore privato. E le fotografie scattate dallo 007 avevano inchiodato il consorte con la passione per i ritmi calienti: si scatenava nelle balere tre volte alla settimana ed stato beccato a ballare salsa e merengue nei locali del Trevigiano, nonostante percepisse una pensione di invalidità totale con tanto di accompagnatoria. Vendramin era finito a giudizio per truffa ai danni dello Stato con l'accusa di aver dichiarato alla Commissione Medica Ulss 9 di Treviso di non deambulare normalmente, mentre invece era risultato, secondo l'accusa, che camminava normalmente e, appunto, ballava.

Lui si era difeso dicendo che riusciva a compiere alcuni passi di danza con un'amica solo perché si imbottiva di cortisonici e comunque per il breve periodo di effetto dei medicinali assunti. Una consulenza tecnica accertò in seguito che l'operaio effettivamente aveva una invalidità che veniva indicata pari all'85% mentre la Commissione Medica gli aveva riconosciuto la percentuale del 100%. Il Consulente del Tribunale confermò peraltro la tesi dell'accusato sul temporaneo beneficio ricevuto dall'assunzione di cortisonici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sei anni fa Il Tribunale condannò Vendramin a 4 mesi di reclusione, con pena sospesa, e al pagamento di 63 mila euro derubricando il reato da truffa ai danni dello Stato a indebita percezione di erogazioni, perché secondo il giudice Leonardo Bianco Vendramin era davvero invalido ma non al 100 per cento bensì all'85. Quindi aveva diritto all'assegno di invalidità ma senza accompagnatoria e pensione, come invece è stato dal 2004 al 2010.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • L'auto si schianta fuori strada: morto un 22enne, due feriti gravi

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento