Botte e minacce alla madre per estorcere soldi da spendere in droga

I carabinieri hanno arrestato, su ordinanza di custodia cautelare in carcere, un 27enne di origini albanesi che vive a Ponzano Veneto. Decisive le denunce ai carabinieri della donna che viveva da tempo un vero incubo

La madre del giovane balcanico è stata più volte malmenata

Malmenava e minacciava la madre per costringerla a consegnare del denaro che a lui serviva per acquistare droga. Un vero e proprio incubo quello vissuto, per diversi mesi, dalla donna che ha deciso di rivolgersi ai carabinieri che sono intervenuti, arrestando il figlio. A finire in manette un 27enne di origine albanese e residente a Ponzano Veneto. Il giovane, con gravi problemi di tossicodipendenza e qualche precedente per furto, deve rispondere dei reati di tentata estorsione e maltrattamenti in famiglia. Ad eseguire l'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei suoi confronti, nella mattinata di oggi, lunedì 2 novembre, sono stati i carabinieri della stazione di Paese. I militari da tempo monitoravano il 27enne e hanno agito dopo alcune denunce presentate da parte della madre, residente nella stessa abitazione del figlio, per tentata estorsione e maltrattamenti in famiglia. Il giudice del tribunale di Treviso, alla luce delle prove raccolte dai militari, ha emesso il provvedimento con il fine di "bloccare i comportamenti violenti posti in essere dal prevenuto per recuperare contante per l'acquisto di stupefacente". L'arrestato è stato accompagnato presso la casa circondariale di Santa Bona, a Treviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento