menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perseguita e minaccia di morte l'amante, rinviato a giudizio per stalking

«Non preoccuparti di mia moglie, presto mi separo»: aveva detto un 56enne di Ponzano ad una 50enne che poi l'ha lasciato, stanca di aspettare l'uomo che non aveva mantenuto la promessa

Lasciato dall'amante, a cui aveva fatto la promessa di mollare la moglie per lei, si è trasformato in uno stalker che ha reso impossibile la vita alla donna con cui aveva intrecciato una relazione extraconiugale. Dopo averla minacciata di morte con un coltello puntato alla gola e aggredita per ben due volte, l'uomo è stato denunciato e indagato dalla Procura di Treviso per stalking. Stamattina., giovedì, il gip Bruno Casciarri lo ha rinviato a giudizio (inizio del processo il prossimo 24 giugno) respingendo la richiesta del difensore, l'avvocato Alessandra Nava del Foro di Treviso, di giudizio abbreviato condizionato alla deposizione della presunta vittima, che si è costituita parte civile assistita dall'avvocato Edoardo Pinto.

«Non preoccuparti di mia moglie, presto mi separo»: aveva raccontato l'uomo, un 56enne di Ponzano, all'amante dopo che la coniuge tradita, scoperto l'inciucio, si era presentata più volte davanti alla casa della rivale mettendo in atto delle vere e proprie scenate di gelosia. Ma quella promessa non è mai stata mantenuta e così la donna, 50enne, ha deciso di scaricarlo. Lui non lo ha accettato e  avrebbe iniziato a tormentarla: appostamenti, telefonate, messaggi. Poi anche minacce e botte. «Torna con me o ti uccido»: le avrebbe detto puntandole un coltello alla gola. Per poi incontrarla altre due volte e prenderla a botte, tanto da costringerla a rivolgersi al pronto soccorso. L'uomo si difende sostenendo di non aver mai avuto una relazione con lei e che anzi sarebbe stata la 50enne a fargli delle avances, che lui avrebbe sempre respinto. «E adesso - ha detto - mi accusa di queste cose per vendicarsi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento