menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finta identità, arrestata dai carabinieri una moldava 24enne

I documenti erano stati falsificati: sulla carta la giovane, residente a Gaiarine, era una rumena. E' stata subito rimessa in libertà dal pubblico ministero

GAIARINE I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Pordenone, che negli anni hanno acquisito specifiche competenze nel riconoscimento dei documenti falsi, hanno arrestato, sabato sera, B.M., 24 anni, cittadina moldava irregolare in Italia, residente a Gaiarine, per possesso di documenti di identificazione falsi.

La donna, presentatasi come cittadina rumena, è stata controllata a Pordenone centro ed ha esibito una carta d’identità rumena che, dopo accurate verifiche, è risultata falsa. Le conseguenti indagini hanno poi consentito di accertare che il documento d’identità era stato verosimilmente realizzato all’estero per poter vivere in Italia e garantirsi un soggiorno regolare come cittadina dell UE. Con la carta d’identità falsa rumena, infatti, la stessa era riuscita a farsi rilasciare una carta d’identità italiana, senza svelare le sue origini e la sua appartenenza allo stato della Moldavia, regolata dalla normativa che disciplina la presenza nel territorio nazionale degli extracomunitari, in questo caso elusa. Trattandosi di documento valido per l’espatrio, pertanto, la donna è stata tratta in arresto e liberata nella stessa serata su disposizione del PM, stante l’assenza dei presupposti per l’adozione nei suoi confronti di misure cautelari.

Le procedure adottate si sono rivelate, quindi, particolarmente efficaci, posto che ogni documento sequestrato viene analizzato dai laboratori preposti e, quando necessario, dagli specialisti dei Carabinieri del RIS. Sempre nello stesso ambito, negli ultimi giorni sono stati effettuati ulteriori sequestri di documenti falsificati. Il primo nei confronti di N.S., 46 anni, italoamericano residente in città, conducente di autovettura con targa bulgara, fermato sulla SS 13 a Pordenone, che ha esibito un permesso internazionale di guida falsificato ed, infine, un giovane ucraino, V.O., 21 anni, anch’esso residente in città che, presentatosi presso questa caserma per esibire la patente di guida, in quanto in precedenza destinatario di contravvenzione perché controllato alla guida sprovvisto del documento, ha fornito una patente ucraina falsa. Entrambi, pertanto, sono stati denunciati a piede libero ed i relativi documenti posti sotto sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento