Cronaca

I risultati delle analisi in un'ora: Asolo prima nel nord Italia

Presentato martedì - durante i saluti del primario dottor Gianpaolo Piaserico che va in pensione dopo 40 anni di attività nell’Ulss 8 – Power Express, un nuovissimo sistema che consente di rendere disponibili dopo un’ora i risultati delle analisi di Laboratorio

Il dottor Gianpaolo Piaserico nel nuovo Laboratorio

ASOLO Era arrivato nell’Ulss 8 esattamente 40 anni fa. Per il dottor Gianpaolo Piaserico sarà mercoledì l’ultimo giorno di attività presso l’azienda socio-sanitaria asolana dove ricopre il ruolo di capo del Dipartimento di Medicina e Laboratorio e di direttore dell’Unità operativa di Laboratorio Analisi. Una carriera tutta in crescita per lui. Nato nel 1949 nel vicentino, il dottor Piaserico si è laureato all’Università di Padova nel 1974 ed ottenuto il diploma di specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva Orientamento di Laboratorio. Quindi, sin dall’anno successivo, era arrivato all’ospedale di Montebelluna, prima come assistente supplente, poi assistente di ruolo, quindi come aiuto Laboratorio. Nel 1999 ha ottenuto l’incarico di primario di laboratorio analisi di Montebelluna, nel 2007, con la riorganizzazione del servizio, quello di direttore del laboratorio analisi dell’ospedale articolato presso entrambi i presidi ospedalieri di Castelfranco Veneto e Montebelluna e nel 2008 l’incarico di direttore del Dipartimento di Medicina di Laboratorio ed Anatomia ed Istologia Patologica. “Lascio l’azienda dopo tantissimi anni di lavoro, soddisfatto di quanto ho fatto e col rammarico di non poter utilizzare il nuovo sistema introdotto in questi giorni per il quale stiamo lavorando da almeno quattro anni”, commenta il dottor Piaserico.

I RISULTATI DELLE ANALISI IN UN'ORA La chiusura della sua attività lavorativa presso l’azienda corrisponde, infatti, ad una tappa importante per il Laboratorio analisi. Il dottor Piaserico ha presentato ai colleghi e alla direzione proprio nella mattinata di oggi “Power express”, una nuovissima soluzione di Laboratorio, un sistema all’avanguardia che rende automatizzato il percorso della provetta di sangue dall’accettazione fino allo smaltimento. Si tratta di un sistema per ora presente solo a Prato e a Bologna, ed il primo del genere del Nord Italia. “Power express consente di processare 4000 campioni biologici al giorno con tempi di risposta di circa un’ora: tante sono infatti le provette esaminate nell’Ulss 8 quotidianamente, per rispondere alle richieste di circa 1600 pazienti al giorno, tra interni ospedalieri ed esterni, pazienti cioè che si rivolgono ai due centri prelievi ospedalieri o ad una delle sette sedi distrettuali”, spiega il dottor Piaserico.

Il nuovo sistema, già a regime da qualche giorno, sostituisce il precedente, risalente al 2007, ed è stato introdotto perché vantaggioso sotto molti punti di vista. Esso rende automatiche tutte le fasi del processo produttivo di analisi biochimiche, sierologiche ed endocrinologiche. Le provette, dopo il prelievo del sangue, vengono accettate, verificate, centrifugate e poi analizzate sulla strumentazione collegata al sistema robotico.  Ottenuti i risultati che vengono trasferiti al sistema informatico di laboratorio, il Power express archivia automaticamente le provette in un grande frigorifero, consentendo di recuperare i campioni biologici in un secondo momento per eseguire ulteriori esami, oppure di eliminarli dopo alcuni giorni nello smaltimento rifiuti. Gli operatori tecnici e laureati del laboratorio, invece, possono dedicarsi alle operazioni di verifiche, al controlli di qualità e alle validazioni dei risultati analitici.

Anche dal punto di vista economico il sistema offre dei vantaggi. Essendo stato acquisito “in service” all’interno di un capitolato più vasto, il nuovo sistema permette di ottenere costanti aggiornamenti tecnologici per un costo di acquisizione al ribasso di 1,2milioni di euro (rispetto al milione e 600mila euro di base d’asta), che ha consentito un risparmio iniziale di circa il 25%. L’installazione di Power Express ha richiesto una serie di lavori strutturali presso il Laboratorio analisi castellano. Negli ultimi mesi le tre precedenti sale sono state unite in unico open space dove è collocato il nuovo sistema che copre in lunghezza circa 45 metri lineari. Tutto ciò è avvenuto senza alcuna interruzione dell’attività del Laboratorio analisi che ha comunque garantito il servizio al 100% in questi ultimi tempi di trasformazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I risultati delle analisi in un'ora: Asolo prima nel nord Italia

TrevisoToday è in caricamento