menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marocchino a processo a Treviso per stalking

Marocchino a processo a Treviso per stalking

Malato di gioco viene lasciato dalla moglie e minaccia di ucciderla

L'uomo, un marocchino e ha 48 anni, avrebbe letteralmente gettato via il matrimonio a causa dei problemi con il vizio delle scommesse, tanto da arrivare a rubare piccole somme di denaro che erano tenute in casa

Quando ha chiamato il padre di lui per raccontargli cosa stava succedendo la risposta l'ha lasciata di stucco: «Denuncialo». E così una cittadina marocchina di 45 anni si è diretta verso la stazione dei carabinieri di Preganziol e ha raccontato l'inferno che l'ex coniuge le stava facendo passare. Lui, che ha anche dei problemi di ludopatia, adesso è a processo (difeso dall'avvocato Davide Favotto) con l'accusa di stalking.

L'uomo, che è marocchino e ha 48 anni, avrebbe letteralmente gettato via il matrimonio a causa dei problemi con il vizio del gioco, tanto da arrivare a rubare piccole somme di denaro che erano tenute in casa. Lei avrebbe quindi deciso di sciogliere il vincolo nuziale e a quel punto il 48enne avrebbe iniziato una vera e propria compagna di molestie e minacce.

«Sei una poco di buono - le diceva - vai con altri uomini marocchini per 20 euro e un po' di spesa. Io ti lascio su una sedia a rotelle, ti taglio i muscoli, ti cavo gli occhi, non mi interessa dei carabinieri e dell'Italia, ti uccido». Prospettandole, tra l'altro, di andare in Marocco a far del male alla sua famiglia di origine, tra cui alcuni nipotini piccoli. «Dopo aver pulito la spazzatura puoi anche fare una moschea ma una p....resta sempre tale» le avrebbe urlato citando un proverbio arabo secondo cui una cosa si può sempre sistemare ma le qualità di una persona restano.

Esasperata dal comportamento dell'ex, che l'accusa anche di avere due amanti, la donna decide di telefonare al padre di lui, che è una persona con una certa influenza nel paese d'origine. «Ti consiglio di fare denuncia, lui è pericoloso» le dice l'uomo. Allora la 45enne, che a quel punto vive barricata in casa e teme anche per l'incolumità dei proprietari del negozio dove lavora, trova il coraggio di andare dai carabinieri e sporgere la querela. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
blog

Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento