rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Cronaca Preganziol

Teneva una piccola piantagione di marijuana nel suo capannone, condannato 56enne

L'uomo, residente a Treviso, era finito a processo con altri due giovani, una 27enne e un 24enne, quest'ultimo con numerose pendenze penali. Le piantine ritrovate potevano fornire fino a 94 dosi giornaliere

Gli avevano fermati per un controllo in centro a Treviso dove erano stati trovati in possesso di alcuni "spinelli" di marijuana per uso personale. Ma nel cellulare di uno dei tre era stata trovata anche una fotografia che ritraeva une delle tre persone accanto ad alcune piante di "maria", coltivate come se si trattasse di un piantagione. E' stato facile per le forze dell'ordine risalire al luogo in cui era stata fatta la fotografia: un capannone nella zona di Preganziol.

Così i tre, C.D.B di 56 anni, residente a Treviso, A.C., una 27enne anche lei del capoluogo e R.R, giostraio 24enne di Latisana (Udine) con svariate pendenze soprattutto per truffa, sono finiti a processo per possesso e spaccio di stupefacenti. Oggi, 31 marzo, è arrivata dopo 5 anni la sentenza: 8 mesi di reclusione (con la condizionale) per il 56enne, che era il proprietario del capannone, mentre per gli altri due è arrivata una assoluzione.

Erano undici le piante ritrovate all'interno dell'immobile, in grado di produrre 61 chili di marijuana, con un principio attivo corrispondente a ben 94 dosi giornaliere, oltre il limite di quantitativo detenibile di 4,7 volte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teneva una piccola piantagione di marijuana nel suo capannone, condannato 56enne

TrevisoToday è in caricamento