Ubriaco e drogato alla guida causò un incidente mortale, condanna a quattro anni

Questa la pena nei confronti di Antonio Ivan Mendoza, dominicano 30enne che la vigilia di Natale del 2017 provocò il pauroso incidente, avvenuto a Preganziol, a seguito del quale perse la vita la 70enne moglianese Graziella Fantin

Un'aula di tribunale

Quattro anni di reclusione. Questa la pesante condanna inflitta, in abbreviato, a Antonio Ivan Mendoza, il dominicano 30enne che la vigilia di Natale del 2017 provocò il pauroso incidente, avvenuto a Preganziol, a seguito del quale perse la vita la 70enne moglianese Graziella Fantin. La donna morì cinque giorni dopo il tremendo schianto per le gravi lesioni riportate.

Mendoza, alla guida della sua Peugeot 206 centrò in pieno, invadendo la corsia opposta, la Mercedes con al volante il marito della Fantin. Colpita sulla parte sinistra dell'anteriore la macchina dei due coniugi finì fuoristrada, carambolando sul lato destro. Il dominicano si era messo in macchina ubriaco e dopo aver assunto droghe: l'alcoltest sul 30enne rivelò infatti un tasso pari a 1,09 ma a fargli perdere la lucidità, provocando la sbandata, sarebbe stata soprattutto l'assunzione, avvenuta nelle ore precedenti al sinistro, di cannabis e cocaina. Nello scontro la 70 riportò un ematoma sottodurale acuto. Venne ricoverata d'urgenza nel reparto di neurochirurgia del Ca' Foncello ma cinque giorni dopo il suo cuore smise di battere. L'autopsia confermò che il decesso era stato causato dalla ferite  riportate nell'incidente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

  • Torna la neve a bassa quota: stato di attenzione nella Marca

  • Tumore incurabile, papà Fabio muore in pochi mesi a 51 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento