menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Keyline regala un buono spesa di 100 euro ai dipendenti

E' stata annunciata anche l’istituzione di due borse di studio del valore di 500 euro ciascuna che saranno assegnate ai dipendenti

Keyline chiude il 2013 con segno positivo, passando nell’arco di 10 anni da 3 a 19 milioni di euro di fatturato. Un traguardo importante che  l’azienda di Conegliano, impegnata da 250 anni a progettare e produrre chiavi e macchine duplicatrici, ha voluto festeggiare annunciando alle sue maestranze un premio di solidarietà di 100 euro. Il buono spesa per acquisto di alimentari sarà corrisposto a ciascuno degli oltre 100 dipendenti con lo stipendio di gennaio. A darne l’annuncio è stata Mariacristina Gribaudi, amministratrice unica di Keyline, durante la festa degli auguri con le maestranze, riunite nello stabilimento di via Camillo Bianchi.

Tradizione ed innovazione è il binomio che ha permesso a questa azienda di Conegliano di andare alla conquista dei mercati del mondo arrivando a vendere l’85% della produzione (40 milioni di chiavi con 7.000 profili) fuori dall’Europa. Un modello di impresa fortemente radicata sul territorio, come ha riconosciuto il presidente di Piccola industria di Confindustria, Alberto Baban (vice di Squinzi) che ha voluto essere presente all’incontro per lo scambio degli auguri natalizi, assieme, tra gli altri, all’assessore regionale Remo Sernagiotto e al sindaco di Conegliano Floriano Zambon. “Keyline – ha detto Baban – è il modello di impresa a cui dobbiamo guardare in futuro per la sua capacità di stare sul mercato e di restituire al territorio ciò che ha ricevuto”.

Durante la festa, in cui il titolare Massimo Bianchi ha presentato il volume di Claudio Ruggiero che ricostruisce la storia della famiglia imprenditoriale che nel 1770 iniziò a produrre chiavi nelle fucine del Cadore, è stato annunciata anche l’istituzione di due borse di studio del valore di 500 euro ciascuna che saranno assegnate ai dipendenti intitolate a Carlo Gribaudi, padre dell’amministratrice Mariacristina, altra figura di imprenditore illuminato.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

social

Domenica 11 aprile: accadde oggi, santo del giorno, oroscopo

Salute

A Monastier il nuovo hub vaccinale anti-Covid per le aziende venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento