rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Cronaca Casier

"Premio Tura" per la sicurezza: vince uno studente bolognese

Riccardo Zecchinato, primo tra i cento allievi di cinque Istituti di Istruzione Superiore italiani che hanno partecipato al Progetto Campus Came, si è aggiudicato una borsa di studio di 2.500 euro

CASIER Quest’anno è andata a Riccardo Zecchinato, allievo dell’Istituto di Istruzione Superiore Aldini Valeriani Sirani di Bologna, la borsa di studio messa in palio dalla famiglia di Paolo Tura, fondatore della rivista "Essecome security & safety", per incentivare la divulgazione della cultura della sicurezza e della domotica presso i giovani. Riccardo Zecchinato, 18 anni, residente a Ozzano dell'Emilia (BO), ha ottenuto i migliori risultati tra i cento allievi dei corsi di formazione organizzati presso i cinque istituti tecnici che hanno partecipato alla prima edizione Campus Came, il progetto di formazione ideato da Came – gruppo riconosciuto in Italia e nel mondo nel settore della home & building automation - per diffondere la cultura dell’automazione e della domotica nelle scuole professionali italiane e formare personale altamente specializzato.

Il premio, del valore di 2.500 euro, è stato consegnato al vincitore durante la giornata inaugurale di Sicurezza 2015, la più importante rassegna del settore, da Paolo Menuzzo, Presidente di Came SpA, e Valerio Tura, promotore del premio, alla presenza del presidente di ANIE Sicurezza Rosario Romano, del responsabile della fiera Sicurezza  Giuseppe Garri e di un folto gruppo di allievi e insegnanti dell’IIS Aldini Valeriani Sirani. “Non ho ancora deciso come utilizzare la borsa di studio, – ha dichiarato Riccardo Zecchinato - per il momento penso a finire la scuola e a diplomarmi, poi cercherò un lavoro inerente al mio indirizzo di studio oppure, in caso non lo trovassi, penso di proseguire la mia istruzione e di iscrivermi alla facoltà di ingegneria. Di sicuro  - conclude lo studente - lo stage in Came, che ho frequentato a conclusione del percorso formativo, è stato molto interessante perché mi ha consentito di imparare cose nuove, e l’aspetto che mi ha colpito maggiormente è stata l’organizzazione che c’è all'interno dell’azienda”.

Il primo anno di attività del progetto Campus Came è stato davvero soddisfacente. - ha dichiarato Paolo Menuzzo, Presidente di Came S.p.A. - Nell’anno scolastico 2014/2015 Campus Came è partito in cinque istituti tecnici presenti sul territorio nazionale, coinvolgendo un centinaio di ragazzi del quarto anno e una ventina di insegnanti. Nello specifico, il progetto è stato attivato nelle scuole di Vittorio Veneto, Pordenone, Magenta, Bologna e Verona, selezionate in base al prestigio riconosciuto sul territorio. Con l’anno scolastico 2015/2016, Campus Came verrà esteso in altri cinque istituti superiori in Piemonte, Trentino Alto Adige, Liguria, Toscana e Lazio.” Valerio Tura, promotore del premio, ha commentato: “Sono molto lieto che l’attuale direzione della rivista fondata da mio padre e un’azienda importante come Came abbiano accolto favorevolmente la mia proposta di creare un Premio ispirato al ricordo di Paolo e intitolato al suo nome, dando avvio all’iniziativa quest’anno, nel quinto anniversario della sua scomparsa e in occasione della fiera a Milano, alla quale partecipò sempre regolarmente. Spero che questo piccolo contributo serva in qualche modo ad accrescere l’attenzione sulla necessità di sviluppare incessantemente la ricerca e la cultura specifica in un territorio come quello della sicurezza, nel quale i processi innovativi non possono mai fermarsi. E’ evidente che la ricerca e l’innovazione non possono che essere alimentati dalla formazione, in particolar modo dei più giovani, di quanti saranno protagonisti del domani e del dopodomani”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Premio Tura" per la sicurezza: vince uno studente bolognese

TrevisoToday è in caricamento