menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Famiglia Zago sotto indagine: la Procura dispone perquisizioni per la Cartiera di Mantova

Il gruppo Pro-Gest, una volta ricevuta la notizia, ha fatto sapere di non avere nulla da nascondere e che ora valuterà la possibilità di lasciare lo stabilimento

ISTRANA Caos all'interno del Gruppo Pro-Gest della famiglia Zago con sede a Istrana. Nelle ultime ore, infatti, la Procura di Mantova ha ordinato una serie di perquisizioni e sequestri di documenti all'interno della cartiera mantovana di prorietà dell'azienda trevigiana, oltre che nei locali aziendali della Cartiere Villa Lagarina srl e nelle abitazioni degli stessi componenti della famiglia Zago. "Lo scopo di tale operazione - si legge nel comunicato della Pro-Gest - è quello di reperire qualsivoglia nota o corrispondenza inerente al procedimento di voltura dell'Aia (Autorizzazione integrata ambientale) rilasciata alla Cartiere Villa Lagarina nell'ambito dell'acquisizione della Cartiera di Mantova (ex Burgo). I soggetti interessati hanno fornito la massima collaborazione agli inquirenti non avendo nulla da nascondere".

"Non si può fare a meno di osservare come la pazienza della famiglia Zago e del Gruppo Pro-Gest sia messa a dura prova alla luce di tali ultimi avvenimenti - si legge nella nota - Desta infatti profondo sconcerto e rammarico constatare come una scelta imprenditoriale coraggiosa ed attuata nel pieno rispetto della legalità abbia prima costituito il pretesto per una campagna diffamatoria destituita di ogni fondamento, ed ora abbia addirittura determinato la nascita di un procedimento penale. Quello che sta accadendo in queste ore - continua Pro Gest - sta facendo emergere il dubbio che l'onore e la reputazione di chi lavora onestamente da una vita costituiscano un prezzo troppo alto da pagare per qualsiasi progetto, per quanto meritevole ed importante. Per questo motivo si rende noto che la famiglia Zago si riunirà a breve per decidere se continuare con tale iniziativa imprenditoriale".

A far partire le indagini erano stati due esposti presentati da ambientalisti mantovani inerenti la voltura dell'autorizzazione integrata ambientale da Burgo a Pro Gest realizzata dalla Provincia di Mantova, operazione sulla quale pende ancora il giudizio davanti al Tar di Brescia. Ora però l'intervento della magistratura potrebbe impedire la riapertura della ex cartiera Burgo chiusa dal 2013.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Montebelluna, la mamma di Mattia ai funerali: «Chi ha sbagliato pagherà»

  • Attualità

    Vaccinazioni, Benazzi difende l'infermiera: «Non è una No Vax»

  • Attualità

    Vax Day per i 70enni: «Code in mattinata, rifiuti per AstraZeneca»

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento