rotate-mobile
Cronaca Silea

Organizzava campi scuola per fotografare ragazzini nudi, a processo

Si avvicina il momento del confronto in aula per M.M., allenatore 40enne accusato di violenza sessuale e produzione di foto pedopornografiche. L'uomo si spacciava per membro dell'Udinese per attirare giovani calciatori

Si avvicina il processo per M.M, l'allenatore di 40 anni accusato di violenza sessuale e produzione di foto pedopornografiche.

Secondo quanto riportato da La Tribuna di Treviso, il pm di Venezia Alessia Tavarnesi ha chiuso le indagini e chiesto il rito immediato per l'uomo. A decidere la data dell'inizio del processo sarà il gup Andrea Comez.

M.M. era entrato nel mirino degli investigatori dopo che la direzione dell'Udinese aveva segnalato che l'allenatore ligure si spacciava per membro del team della società, organizzando campi di scuola di calcio estivi in tutto il Veneto. Ma le indagini, scattate per un'ipotesi di truffa, hanno preso una piega davvero inaspettata.

Dal blitz della guardia di finanza toscana in casa dell'allenatore era spuntato un pc contenente foto di un ragazzino, immortalato mentre dormiva nudo in uno dei campi scuola organizzato a Silea. A giugno l'uomo era stato posto agli arresti domiciliari.

Difficile per il pm ricostruire la storia delle fotografie trovate dalle fiamme gialle. Secondo l'accusa l'allenatore avrebbe scattato le foto mentre il ragazzino - appena dodicenne - dormiva, denundandolo senza che si accorgesse di nulla. Pratica che avrebbe ripetuto con altri ragazzini, attirati nei campi scuola con l'illusione di avere a che fare con un allenatore dell'Udinese

A breve il 40enne sarà chiamato davanti al giudice per rispondere di violenza sessuale su minore e produzione di materiale pedopornografico, sebbene non ci sia la prova che le foto siano state diffuse via Internet.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Organizzava campi scuola per fotografare ragazzini nudi, a processo

TrevisoToday è in caricamento