rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Zero Branco

Processo Mestrinaro, Zanoni: "Zaia e Muraro si costituiscano parte civile"

Alla chiusura delle indagini sul traffico illecito di rifiuti tossici da parte della ditta di Zero Branco, l'eurodeputato invita i rappresentanti delle istituzioni a costituirsi parte civile nel processo

Chiuse le indagini sul traffico clandestino di rifiuti pericolosi della ditta Mestrinaro di Zero Branco, i Pubblici Ministeri della Repubblica di Venezia Giorgio Gava e Roberto Terzo si preparano a chiedere il rinvio a giudizio.

Dalle analisi di Carabinieri del NOE Nucleo Operativo Ecologico di Treviso e Venezia, è emerso che l’azienda Mestrinaro, invece di trattare a caro prezzo, 45 euro a tonnellata, i rifiuti inquinati conferiti loro dalle imprese per renderli inerti, li avrebbe miscelati tali e quali a calce e cemento per rivenderli a 39 euro a tonnellata ad altri cantieri edili, nominando la miscela Rilcem.

L’azienda avrebbe venduto 4.145 tonnellate di Rilcem che sarebbero state utilizzate per il parcheggio dell’aeroporto Marco Polo di Venezia e 34.157 tonnellate per la realizzazione della terza corsia dell’A4, all’altezza del casello di Roncade. Sono stati rilevati nelle miscele quantitativi di arsenico, cobalto, nichel, cromo e rame fino a cento volte i limiti tollerati dalla legge.

Vista la chiusura delle indagini, interviene l’On. Andrea Zanoni, eurodeputato membro della Commissione ENVI Ambiente, Saluta Pubblica e Sicurezza Alimentare che rivolge un invito ai rappresentanti delle istituzioni: “Invito il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, ma anche il presidente della Provincia di Treviso Leonardo Muraro e il Sindaco di Zero Branco Mirco Feston a costituirsi parte civile nel processo contro Mestrinaro. Auspico che la stessa decisione di chiedere i danni venga presa anche dagli altri comuni interessati”.

E continua complimentandosi con il sindaco di Zero Branco “che è stato lasciato solo e ha combattuto contro questo ecomostro. Ora bisogna stare attenti alle possibili minacce degli acquirenti che, al posto della ditta Mestrinaro, avrebbero il compito di riciclare i rifiuti pericolosi”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Mestrinaro, Zanoni: "Zaia e Muraro si costituiscano parte civile"

TrevisoToday è in caricamento