rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

File criptati e server bloccato, professionista in mano agli hacker

Il pirata informatico ha chiesto un "riscatto" per ripristinare i documenti dell'ufficio, letteralmente paralizzato. La vittima si è rivolta alla polizia postale, ma rintracciare il responsabile sembra impossibile

Ufficio paralizzato, tenuto in ostaggio da un hacker che sembra fare sul serio. E' quello che è accaduto negli ultimi giorni a un professionista trevigiano, che non riesce più ad accedere ai suoi file, criptati da una una mano sconosciuta.

Secondo quanto riferito dalla Tribuna di Treviso, sul desktop del professionista è comparso un messaggio, in inglese, che lo informava del fatto che tutti i suoi documenti in formato pdf erano stati criptati con una chiave a 19 cifre. L'unico modo per "liberarli" è pagare.

IL PRECEDENTE: HOTEL ASSEDIATO DA HACKER

Ostaggio di un pirata al quale sembra impossibile risalire, il professionista non ha potuto fare altro che rivolgersi alla polizia postale. Al momento sembra che l'hacker abbia usato tutte le precauzioni necessarie per non farsi rintracciare, dalla mail non localizzabile al trasferimento di denaro anonimo.

E se ancora non è chiaro quale sia il prezzo dell'hacker, che non ha formulato una richiesta di denaro esplicita, è certo quanto costerà allo studio ripristinare il server e recuperare e ridigitalizzare i file: migliaia di euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

File criptati e server bloccato, professionista in mano agli hacker

TrevisoToday è in caricamento