I profughi volontari per la manutenzione al Parco Papadopoli

Il progetto di inserimento di uno o due migranti è stato inviato al presidente del Ceis, don Gigetto De Bortoli. Ora si attendono i volontari

Un'immagine del Parco Papadopoli

VITTORIO VENETO Tra i firmatari della convenzione per l’impiego dei richiedenti asilo in attività di volontariato, voluta dal comune di Vittorio Veneto e sottoscritta anche dal Ceis titolare della struttura di via Marconi che oggi accoglie un centinaio di migranti, c’è anche l’associazione Insieme per Ceneda. Dal 1998 l’associazione si prende cura, come da convenzione con il comune, del parco di villa Papadopoli a Ceneda. Ed è in queste attività che uno o due profughi potranno essere impegnati nei prossimi mesi.

«Siglata la convenzione – spiega il presidente dell’associazione Mario Longo – abbiamo inviato al responsabile del Ceis, don Gigetto De Bortoli, il nostro progetto di inserimento di uno o due richiedenti asilo come volontari per la cura e la manutenzione di parco Papadopoli. La nostra proposta è tesa a dare un’opportunità ai migranti ospitati in città che, oltre ad impegnare il proprio tempo a fianco di altri volontari, ha anche l’obiettivo di favorire la socializzazione con persone e il sentirsi utili per la comunità che li accoglie».

Uno o due migranti saranno affiancati dalla decina di volontari di Insieme per Ceneda che ogni martedì mattina si ritrovano al parco per eseguire le manutenzioni del verde pubblico. Per loro semplici attività come riordino ghiaino, raccolta foglie, pulizia caditoie, attività che non prevedono l’utilizzo di attrezzature come motoseghe o taglia-siepi. Ai migranti saranno forniti tutti i dispositivi di protezione e sicurezza personale per eseguire le attività di giardinaggio, oltre a copertura assicurativa. Un tutor li affiancherà, insegnando loro anche attività prima sconosciute. A metà mattina per tutti un momento conviviale (previsti bevande e alimenti rispettosi della fede mussulmana), momento che favorirà l’integrazione e la socializzazione. Come da progetto l’accompagnamento al parco e il rientro alla struttura dovrà essere curato dal Ceis.«Chiaramente – sottolinea Longo – non è previsto alcun compenso perché i migranti saranno trattati al pari dei nostri volontari».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento