FOTO Profughi a Treviso, Forza Nuova: "Chiediamo di spostarli"

Il movimento risponde alle dichiarazioni del sindaco di Treviso Giovanni Manildo su Facebook: "I residenti ci hanno inviato delle foto"

Due immagini inviate da Forza Nuova

TREVISO - Altri 20 profughi accolti a Treviso, ancora polemiche. A intervenire è Davide Visentin, segretario provinciale di Forza Nuova: "Il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, scrive su Facebook che non capisce la protesta di Forza Nuova contro i profughi messi nel dormitorio di Santa Maria del Sile, dice addirittura che i residenti del quartiere hanno mostrato la loro solidarietà ai clandestini portando vestiti e cibo .La nostra raccolta firme svolta sabato mattina a Santa Maria del Sile, ha avuto invece un gran successo, al banchetto e facendo il giro di tutte le case del quartiere abbiamo raccolto più di 250 firme. La raccolta continuerà per tutta la settimana e sabato, quando porteremo a Manildo i moduli pieni di firme, vogliamo proprio vedere la faccia che farà e cosa dirà, dopo aver capito di aver sbagliato per l’ennesima volta".

Il sindaco di Treviso domenica ha commentato sul social network la raccolta firme del movimento: "Io proprio non capisco questi gazebo contro l'ospitalità ai profughi. La società civile, il quartiere, ancora una volta risponde bene, la raccolta di cibo e di vestiti testimonia ancora una volta la grande apertura e solidarietà dei trevigiani. Grazie, di cuore! - scrive Manildo -. La comunità è sempre un passo avanti. Spero che chi ha responsabilità istituzionali e politiche la smetta, una volta per tutte, di fomentare egoismi, sterili contrapposizioni tra interessi particolari, di evocare la paura dell'altro. Il nostro futuro e' una società più aperta, su questo potremmo e dovremmo fare leva perché l'Europa fronteggi seriamente e tutta unita la questione, non negando la solidarietà ad esseri umani".

ri

Dall'altra parte, gli esponenti di Forza Nuova fanno sapere che ci sarebbero molti residenti nel quartiere di Santa Maria del Sile che avrebbero inviato alcune foto: "Nel quartiere pochissimi sono d’accordo ad accogliere i clandestini in quella struttura - spiega Visentin -, e già qualche abitante del posto ci sta inviando immagini che dimostrano come nel parco giochi non ci sia neanche un bambino e che i profughi sono liberi di abbandonare la struttura e girare indisturbati aprendo addirittura i cassonetti per cercare non si sa cosa. Gli abitanti del quartiere ora hanno paura a girare la sera per le proprie strade o a mandare i figli da soli la mattina a prendere l’autobus per andare a scuola. Non possiamo vivere in una situazione del genere".

"Il movimento - conclude Visentin - chiede l’immediato spostamento dei profughi in una struttura capace di contenere queste persone, dove possano essere controllate e non mandate in giro a loro piacimento. Siamo anche curiosi di conoscere l’esito dei controlli sanitari fatti per capire le possibilità di contagio che possono esserci, viste le gravissime epidemie di Tubercolosi ed Ebola che stanno colpendo l’Africa in queste settimane".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento