Cronaca Centro

La città di Treviso aderisce al progetto "Carta identità - donazione degli organi'

La scelta verrà registrata sulla carta d'identità. L'assessore Cabino: "Un'opportunità per aumentare il numero delle dichiarazioni e quindi il numero potenziale dei donatori"

TREVISO Dichiarare la propria volontà di donare gli organi direttamente dal documento di identità. Anche Treviso aderisce al progetto ‘Carta d’identità – Donazione organi’ con una delibera proposta dall’assessore ai servizi demografici Anna Caterina Cabino e approvata mercoledì mattina dalla giunta comunale. La delibera recepisce anche le indicazioni espresse dalla mozione presentata dal consigliere Nicolò Rocco e già approvata dalla commissione competente. “Continua il percorso di Treviso per i diritti – dichiara l’assessore Anna Caterina Cabino – la raccolta e l’inserimento delle dichiarazioni di volontà alla donazione degli organi e tessuti al momento del rilascio o rinnovo del documento di identità rappresenta un’opportunità per aumentare il numero delle dichiarazioni e quindi per implementare il numero potenziale dei donatori”. Presso il Comune di Treviso era in vigore dal 2013 una convenzione con l'ULSS 9 che impegnava l'amministrazione a trasmettere le dichiarazioni rese dai cittadini, dichiarazioni che finora sono state 108.

Il Comune si doterà ora di un nuovo software che consentirà le nuove registrazioni. L’impianto organizzativo della rete trapiantologica disegnato dalla L. 1 aprile1999, n. 91 affida al Sistema Informativo Trapianti (SIT) il compito di raccogliere le dichiarazioni di volontà dei cittadini come strumento accessibile ai coordinamenti locali per la verifica in modalità sicura e in regime di H 24 della dichiarazione di volontà di ogni potenziale donatore. Le procedure predisposte per l’inserimento delle dichiarazioni di volontà nel Sistema Informativo Trapianti (SIT) dal DM 8 aprile 2000 hanno consentito la registrazione di un milione e trecentotrentamila circa di espressioni di volontà. La registrazione della volontà alla donazione di organi e tessuti nel Sistema Informativo Trapianti rappresenta uno strumento di garanzia e tutela della libera scelta di ogni cittadino maggiorenne. La registrazione della dichiarazione di volontà nel SIT rappresenta una delle modalità previste dalla L. 1 aprile 1999, n. 91 a cui si aggiungono quelle predisposte dal DM 8 aprile 2000 e DM 11 marzo 2008. 

Anche il consigliere Nicolò Rocco ha voluto dire la sua in merito alla delibera di Giunta che recepisce la Mozione M52 da lui presentata. «Ringrazio l'assessore ed esprimo grande soddisfazione per la delibera di Giunta che avvia il processo per consentire ai cittadini trevigiani di dichiarare la propria volontà di diventare donatori di organi e tessuti sulla carta d’identità. La proposta ha trovato l’unanimità dei consiglieri comunali in commissione, segno che su un tema come la donazione non ci sono bandiere politiche, perchè come scrisse papa Giovanni Paolo II "la donazione è un atto di carità grandissimo". Mentre discutiamo il sito del Centro Nazionale Trapianti aggiorna i dati e riporta di 9.200 persone in lista di attesa nella speranza di una donazione. L’espressione della volontà tramite l’ufficio anagrafe è l’istituzionalizzazione di un’opportunità che è stata fino ad oggi possibile solo grazie al volontariato, tanto che su 1.600.000 donatori più di 1.300.000 diventano tali grazie all’AIDO e solo 300.000 tramite comuni e Asl; sarà inoltre un’occasione per diffondere la cultura della donazione nelle famiglie oltre che facilitare l’accertamento della volontà di chi non c’è più. Il Veneto e la città di Treviso rivestono grande importanza sia per l’eccellenza dei centri medici specializzati in questa pratica sia per la storia dei trapianti. Il primo cuore donato in Italia per l’intervento del dott. Gallucci a Padova era di un ragazzo trevigiano, Francesco Busnello. I suoi genitori Giovanni e Marina sono una testimonianza di altruismo e coraggio».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La città di Treviso aderisce al progetto "Carta identità - donazione degli organi'

TrevisoToday è in caricamento