Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca

Forestali ancora senza stipendio: presidi in tutta la regione

Anche a Treviso martedì mattina lavoratori in protesta in via Tezzone. Obiettivo sbloccare gli stipendi e aprire immediatamente i cantieri

Lavoratori forestali (archivio)

TREVISO Cantieri chiusi, lavoratori da tre mesi senza stipendio. I forestali veneti in stato di agitazione minacciano lo sciopero. Già martedì mattina a Treviso, in via Tezzone, si è tenuto un presidio in concomitanza con la mobilitazione regionale dopo la decisione dell’assemblea di delegati e lavoratori del settore insieme ai dipendenti del Parco Colli di Este che si è riunita lo scorso 27 marzo a Mestre.

La protesta scoppia per far sentire la propria voce contro la Regione per i ritardi dei pagamenti degli stipendi e per l’apertura dei cantieri dei lavori forestali. Fonti sindacali affermano che da tre mesi 250 lavoratori e lavoratrici a tempo indeterminato non percepiscono lo stipendio. “In questo modo – si legge in una nota della Cisl – si mette a rischio il territorio. Il lavoro è dignità prima di tutto. Non possiamo continuare – fanno sapere – anno dopo anno a chiedere prestiti a parenti e amici per tirare avanti”.

Martedì 31 marzo è cominciata una massiccia mobilitazione che prevede un nutrito presidio di lavoratori e delegati a Palazzo ferro Fini a Venezia, dove sarà riunito il consiglio regionale per la discussione del bilancio preventivo, e davanti a tutte le sedi territoriali dei servizi forestali regionali. Obiettivo della mobilitazione è ottenere attenzione, stipendi da pagare al più presto a 250 persone ed avvio immediato dei cantieri per far lavorare 400 stagionali, tutto questo senza dimenticare anche la messa in sicurezza del territorio regionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forestali ancora senza stipendio: presidi in tutta la regione

TrevisoToday è in caricamento