menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caos nelle mense scolastiche di Mogliano Veneto: i pasti verrebbero cotti a Treviso

Il Sindaco Carola Arena: "I pasti dei nostri ragazzi devono essere cotti a Mogliano". L'azienda che se ne occupa vorrebbe invece cucinarli nel capoluogo della Marca

MOGLIANO VENETO C’è grande preoccupazione nel Municipio di Mogliano Veneto per la lettera, giunta al termine della scorsa settimana, nella quale la società Mo.Se., il soggetto che gestisce da molti anni l’appalto per la ristorazione scolastica, comunica all’Amministrazione che non intende più utilizzare il punto cottura cittadino per preparare i pasti somministrati, ma che intende invece farli arrivare da Treviso.

Alla base di questa decisione ci sarebbe la necessità aziendale di confezionare a Mogliano i pasti per l’analogo servizio di un vicino comune veneziano che avrebbe appena assegnato alla stessa società il servizio di ristorazione scolastica. Una sorta di gioco delle caselle in cui per il nuovo comune si cucina a Mogliano e per Mogliano si cucina a Treviso. “Questa per noi – attacca il Sindaco, Carola Arena – è una scelta inaccettabile! Stiamo investendo con determinazione sull’educazione alimentare anche attraverso un progetto condotto con ASL9 e Slow Food e pensare di somministrare ai nostri ragazzi piatti cucinati altrove e poi trasportati a Mogliano, significa negare tutto il nostro impegno e proporre dei pasti che, necessariamente, patiranno, almeno nella percezione, una significativa diminuzione in termini di qualità”.

Il contratto con l’azienda – continua il Sindaco – prevede che i pasti debbano essere preparati entro trenta chilometri dal luogo della loro somministrazione, ma il parametro più importante, e contenuto nel contratto, non può essere quello della distanza, quanto il tempo di erogazione. Nelle ore di punta, infatti, il tragitto tra Treviso e Mogliano è molto trafficato, i plessi scolastici nei quali è necessario distribuire i pasti sono distanti tra loro e il sospetto che il cibo non arriverebbe nelle migliori condizioni possibili, è quasi una certezza.” “La nostra Amministrazione – conclude il Sindaco Arena – non intende vedere compromesso un servizio che attualmente gode di buona percezione, a causa di scelte aziendali imposte dal Gruppo Serenissima, poco rispettose e lesive del leale rapporto di collaborazione garantito sino ad oggi.” Il Sindaco Arena sta provvedendo, immediatamente, a informare le scuole, i capogruppo consigliari e le associazioni dei genitori. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Attualità

«Perchè non è stata vaccinata anche mia moglie?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento