Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Pulizia delle caserme vigili del fuoco, CIsl: "Contratto e pagamento non rispettato"

"Dipendenti esasperate dal ritardo con cui costantemente ricevono lo stipendio e dal mancato rispetto del contratto di lavoro dei multiservizi"

TREVISO Mancato rispetto del contratto nazionale e continui ritardi nell’erogazione degli stipendi. Preoccupante la situazione delle lavoratrici di De.Ma Srl, che si occupa, per conto del Consorzio Unilabor di Vicenza, del pulimento delle caserme dei vigili del fuoco in provincia di Treviso. Le 5 dipendenti sono esasperate dal ritardo con cui costantemente ricevono lo stipendio e dal mancato rispetto del contratto di lavoro dei multiservizi: non vengono loro riconosciute in busta paga parte delle maggiorazioni previste dal CCNL di categoria, come, ad esempio, quella legata alla sesta giornata lavorativa in una settimana, a cui dovrebbe corrispondere un +25% rispetto alla paga base.

“Purtroppo - spiega Claudio Cavallin della Fisascat Cisl Belluno Treviso - le lavoratrici sono molto provate, anche perché De.Ma Srl è subentrata nel 2016 alla precedente ditta, la Helyos Fm, anch’essa ex consorziata Unilabor, che a sua volta non aveva versato loro il Tfr. In quell’occasione avevamo aperto una vertenza. Ora la storia si ripete. Non ci stancheremo mai di dirlo: sugli appalti bisogna porre maggiore attenzione, perché le situazioni di sofferenza per i lavoratori di questi settori sono sempre più diffuse. Abbiamo inviato diverse comunicazioni a ditta, consorzio e committenza e abbiamo fatto diversi incontri in Ispettorato del Lavoro, ma la De.Ma. Srl continua a non rispettare quanto previsto dal CCNL. È chiaro che se la situazione non cambierà saremo costretti a ricorrere allo sciopero; nel frattempo, le dipendenti si stanno astenendo dal lavoro supplementare finchè l’azienda non rispetterà la puntualità nei pagamenti e quanto previsto dal contratto nazionale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pulizia delle caserme vigili del fuoco, CIsl: "Contratto e pagamento non rispettato"

TrevisoToday è in caricamento