Cronaca Via Postumia Centro

Lotta all'alta velocità: quattro nuovi autovelox nelle strade di San Biagio di Callalta

Decisione drastica da parte dell'amministrazione comunale nell'ambito della lotta all'alta velocità. Dallo scorso 30 ottobre quattro nuovi apparecchi fissi sono stati posizionati in strada

Il nuovo autovelox nel centro di Fagarè

SAN BIAGIO DI CALLALTA Pugno di ferro contro gli automobilisti indisciplinati nel Comune di San Biagio di Callalta dove, tra la fine di ottobre e i primi giorni di novembre, l'amministrazione comunale ha provveduto all'installazione di quattro nuovi contenitori per autovelox in altrettante zone del territorio comunale.

Ad annunciarlo nelle scorse ore è stato proprio il Comune di San Biagio tramite la sua pagina Facebook ufficiale, sollevando i commenti più disparati da parte degli automobilisti e degli utenti in Rete. Dallo scorso 30 ottobre infatti ben quattro contenitori per apparecchiature elettroniche, quali autovelox per il controllo delle velocità e targa-system per il controllo dei veicoli, sono comparsi lungo la Postumia nelle frazioni di Fagarè e Borgo Verde, in via Matteotti a Spercenigo e infine in via Bredariol a Cavriè. Gli apparecchi fissi non sarebbero ancora attivi ma nelle ultime ore molti guidatori hanno iniziato a ridurre la velocità, soprattutto lungo la trafficatissima Postumia che di notte, a detta dei residenti, si trasforma da sempre in una sorta di autodromo per automobilisti spericolati. I quattro nuovi autovelox garantiranno quindi un importante contributo alla lotta contro l'alta velocità sulle strade della Marca ma su Facebook e tra le vie di San Biagio non sono mancati i commenti caustici contro la decisione presa dall'amministrazione comunale. "Andate a lavorare invece di estorcere i soldi ai poveri automobilisti tanto dieci chilometri in più o in meno non cambiano nulla. Il 90% degli incidenti è provocato dalla disattenzione e non certo dalla velocità" commenta un utente a cui fanno eco altre esternazioni simili come: "Invece di investire soldi per questi armadi finti usateli per qualcosa di serio, magari servizi per la comunità" e: "Appena li ho visti sul marciapiede è stato odio a prima vista!" Se i nuovi apparecchi serviranno o meno sarà il tempo a deciderlo. Di sicuro, d'ora in poi, gli automobilisti con il vizietto dell'accelleratore dovranno tenere gli occhi ben aperti passando nelle strade del Comune trevigiano.

 autov_1-2autov_2-2autov_3-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta all'alta velocità: quattro nuovi autovelox nelle strade di San Biagio di Callalta

TrevisoToday è in caricamento