rotate-mobile
Cronaca

Aggressione in via Pinelli, Manildo: "Ragazza scossa, servono controllI"

Il sindaco di Treviso: "Ho incontrato la giovane, è scossa ma è decisa. Mi batterò affinchè vengano fatti maggiori controlli in zona"

TREVISO “Ho sentito la ragazza al telefono e nei prossimi giorni la incontreremo con l’assessore alla sicurezza Roberto Grigoletto. E’ provata, scossa, ma al tempo stesso l’ho sentita forte e decisa.  E’ una ragazza estremamente intelligente e quanto le accaduto è intollerabile. Per questo chiedo che al più presto i responsabili vengano assicurati alla giustizia e che i controlli in quella e in altre zone vengano rafforzati con la collaborazione di tutte le forze dell’ordine”. A parlare è il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, che ha incontrato la giovane di 21 anni che martedì sera è stata accerchiata e aggredita da tre stranieri lungo via Pinelli, non lontano dal centro storico.

“Fatti del genere lasciano un segno indelebile nella vita di chiunque - sottolinea il primo cittadino - ed è per questo che ancora più fortemente devono essere perseguiti e condannati. La risposta deve essere rapida, unanime e decisamente priva di strumentalizzazioni politiche. Gli slogan della politica che parla alla pancia non aiutano.  Servono invece pene certe e maggiori poteri ai sindaci che devono poter controllare il territorio e allontanare velocemente gli autori dei reati.  In questa direzione il nuovo decreto sicurezza proposto dal governo che mi auguro possa trovare rapida approvazione”.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione in via Pinelli, Manildo: "Ragazza scossa, servono controllI"

TrevisoToday è in caricamento